Palermo, nasce l’associazione “Sicilia-Ucraina” nel nome di Anna Kuliscioff e Angelica Balabanoff

Palermo, nasce l’associazione “Sicilia-Ucraina” nel nome di Anna Kuliscioff e Angelica Balabanoff

PALERMO – Nei giorni drammatici dell’aggressione russa contro l’Ucraina, si aggiunge alle tante iniziative di fratellanza anche la costituzione a Palermo dell’Associazione “Sicilia-Ucraina”, soggetto giuridico di volontariato che intende promuovere la solidarietà, l’amicizia e il mutuo sostegno tra l’isola mediterranea e il grande paese slavo.

La prima proposta del sodalizio per sostenere la democrazia ucraina, aggredita da Putin, è rivolta alle Università siciliane: gli aderenti chiedono l’esonero dal pagamento delle tasse universitarie per gli studenti ucraini che frequentano gli Atenei isolani, come ulteriore solidarietà verso un Paese vittima di una guerra d’invasione da parte di un nemico senza scrupoli, che uccide civili e bambini.


Ai Rettori siciliani si chiede anche l’introduzione di borse di studio in favore di studenti e ricercatori nati in Ucraina o i cui genitori siano originari dello Stato. Tra i promotori dell’iniziativa, vi è il docente universitario Antonio Matasso, secondo cui “occorre far sentire la nostra vicinanza agli ucraini, ma anche a quei russi che non vogliono la guerra e aspirano a libertà e diritti, ad oggi sempre più negati dal regime putiniano”.

“Sostenendo e amplificando le poche voci libere rimaste, non è da escludere che un numero via via crescente di soldati delle truppenemiche si convincerà a disertare o arrendersi alle legittime autorità ucraine, per porre fine a una strage mostruosa quanto vana”, aggiunge.

“Abbiamo scelto non a caso – prosegue Matasso – di dedicare la neonata Associazione ‘Sicilia-Ucraina’ ad Anna Kuliscioff e Angelica Balabanoff, in occasione dell’8 marzo: si tratta di due donne nate entro gli attuali confini ucraini e poi naturalizzate come italiane, che hanno sempre combattuto contro le ingiustizie, le diseguaglianze, le discriminazioni, la sopraffazione, la violenza, i fascismi ed il nazionalismo”.

“Due donne della comunità ebraica storicamente presente nelle terre ucraine, che sono state protagoniste della storia del socialismo democratico italiano ed europeo: la Kuliscioff fondando il Psi e come ‘dottora dei poveri ‘, paladina dei diritti delle donne e degli sfruttati, amica della Sicilia; la Balabanoff come prima donna segretaria di un partito politico italiano (sempre il Psi), nonché, in seguito, come fondatrice del Psdi con Giuseppe Saragat, su posizioni nettamente antisovietiche e libertarie“, conclude.

L’associazione sta organizzando ulteriori iniziative di sostegno materiale a Kiev, insieme alle chiese cristiane ucraine, esprimendo una netta condanna di quei politici italiani che, per tornaconto o stoltezza, hanno in passato manifestato sostegno e ammirazione verso Putin.

Matasso ha infine espresso il sostegno dei soci di “Sicilia-Ucraina” all’appello del Partito Radicale per il processo di adesione di Kiev all’Unione Europea. Frattanto, è già in fase di attivazione il sito Internet.