Morti in carcere, sit-in Antigone Sicilia: “Basta! Intervengano le istituzioni”

Morti in carcere, sit-in Antigone Sicilia: “Basta! Intervengano le istituzioni”

PALERMO –Basta morti in carcere, le istituzioni intervengano per fermare questo fenomeno drammatico che dal 2000 a oggi conta a livello nazionale 1240 morti per suicidio e 3500 morti per altre cause“.

È questo il grido che arriva dal sit-in organizzato da Antigone Sicilia tenutosi ieri, martedì 4 ottobre, davanti il Tribunale di Palermo.


È inaccettabile – spiega Pino Apprendi dell’Osservatorioassistere al continuo stillicidio di detenuti che decidono di togliersi la vita o che muoiono in circostanze poco chiare. Si tratta nella stragrande maggioranza dei casi di giovani tra i 20 e i 40, detenuti per reati lievi e in condizioni di fragilità psicofisica“.

Quest’ultimi, in particolare, si trovano spesso in carcere solo temporaneamente, perché in attesa che il giudice valuti la loro condizione di salute. In questo lasso di tempo, tuttavia, alcuni di loro non reggono all’inferno della prigione e decidono di togliersi la vita”, prosegue.

Al sit-in hanno partecipato la madre di Samuele Bua e il padre di Roberto Pasquale Vitale, i cui figli sono morti suicidi nel carcere Pagliarelli di Palermo, e la madre di Francesco Paolo Chiofalo, l’uomo detenuto sempre nel penitenziario palermitano e deceduto per cause da accertare.