Il boss Raffaele Ganci è morto in ospedale: era il “padrino” della Noce, alleato storico di Totò Riina

Il boss Raffaele Ganci è morto in ospedale: era il “padrino” della Noce, alleato storico di Totò Riina

PALERMO – Raffaele Ganci, boss del mandamento palermitano della Noce, alleato storico di Totò Riina, si è spento all’età di 90 anni.

Si trovava in carcere – al 41 bis – dove stava scontando più ergastoli. Avrebbe commesso, infatti, più omicidi, fra cui quello del generale Carlo Alberto dalla Chiesa il 3 settembre 1982, insieme alla moglie, Emanuela Setti Carraro e all’agente di scorta Domenico Russo.


Inoltre, Ganci faceva parte della commissione provinciale di Cosa Nostra che ordinò gli assassinii di Falcone e Borsellino.

Secondo le informazioni trapelate, il decesso è avvenuto ieri nel reparto detenuti dell’ospedale San Paolo di Milano, dove era stato trasferito per gravi problemi di salute.