Dopo Borgo Nuovo, brucia anche al discarica di Bellolampo: decine gli incendi a Palermo e provincia

Dopo Borgo Nuovo, brucia anche al discarica di Bellolampo: decine gli incendi a Palermo e provincia

PALERMO – A Palermo scatta anche l’emergenza roghi nella discarica di Bellolampo.

Una “fiammatanella sesta vasca che ha messo in allarme il sistema dei soccorsi, ma che dopo poche, secondo i tecnici della Rap che la gestiscono, è superata.


Grazie all’intervento dei vigili del fuoco e i canadair – dicono dalla società – la situazione è sotto controllo. I roghi non hanno intaccato l’operatività dell’impianto e anche il Tmb“.

Questo è il secondo grande allarme della giornata “nera” a Palermo. Le fiamme erano divampate in zone vicine a delle abitazioni del quartiere popolare di Borgo Nuovo, a Nord della città.

Alcuni residenti avevano abbandonato le loro case per precauzione. Tra loro anche le suore minori di San Francesco che hanno una sede in via Bronte.

Sono intervenuti i vigili del fuoco e hanno operato dall’alto per lo spegnimento anche degli elicotteri. Sui social sono diventate virali le immagini e le foto delle fiamme che si alzano alte vicino ai palazzi e la notevole nube di fumo che ha avvolto le abitazioni della zona.

Molte persone hanno messo in sicurezza le auto spostandole velocemente e nei video si nota la “colonna di vetture che si sposta velocemente mentre vigili del fuoco, polizia e carabinieri bloccano l’acceso alla strada interessata dal rogo.

Erano stati gli abitanti del rione a lanciare l’allarme segnalando che “la situazione è drammatica” e chiedendo di “intervenire presto: sappiamo che ci sono altre situazioni pericolose oggi, ma qui è davvero un dramma. Abbiamo visto tanti lasciare le case: fate presto“.

Sono diversi gli incendi divampati in centri della provincia alimentati dal vento di scirocco con un ”bollettino” lunghissimo di interventi per vigili del fuoco e Forestali per fare fronte a decine di roghi.

I canadair insieme alle squadre antincendio sono interventi a Bolognetta, Montemaggiore Belsito in contrada San Giovanni, a Portella della Ginestra a Piana degli Albanesi.

Incendi anche a Piano dell’Occhio e Valle Presti Monreale, a monte San Calogero a Caccamo, Belmonte Mezzagno e Calcerame a Montelepre.

A Misilmeri ha preso fuoco un serbatoio Gpl. Altri incendi sono stati registrati sulla Palermo-Sciacca, nella zona di San Giuseppe Jato, e lungo l’autostrada Palermo-Catania, all’altezza di Villabate, dove sono andate a fuoco le sterpaglie che costeggiano l’autostrada. Per un’ora l’autostrada è rimasta chiusa.

L’amministrazione comunale rinnova la raccomandazione agli abitanti delle zone limitrofe (Borgonuovo, Boccadifalco) alla massima prudenza, mantenendo chiuse le finestre.

La potente ondata di calore di ieri e gli incendi che si sono sviluppati nel quartiere di Borgo Nuovo e a Bellolampo richiedono la massima cautela da parte dei cittadini nelle zone circostanti il rogo, evitando dove possibile di sostare all’aperto“.

Lo ha detto il sindaco Roberto Lagalla che insieme al vice sindaco Carolina Varchi e all’assessore Maurizio Carta si è recato nei luoghi interessati dagli incendi e attualmente sta monitorando la situazione.

Fonte foto: Ansa.it