Allarme presunti rapimenti a scuola, un messaggio vocale su WhatsApp genera psicosi tra i genitori

Allarme presunti rapimenti a scuola, un messaggio vocale su WhatsApp genera psicosi tra i genitori

PALERMO – Psicosi e paura su WhatsApp dove le mamme palermitane sarebbero andate letteralmente in tilt comunicando un vero e proprio “allarme” rapimenti a scuola.

In una chat, una voce femminile racconta che la figlia avrebbe rischiato di essere rapita da qualcuno a bordo di una Fiat Panda o di un furgone. Poi aggiunge di aver denunciato tutto ai carabinieri.


Caos, infatti, stamattina davanti alla scuola media Gregorio Russo, a Borgo Nuovo, dopo che una mamma avrebbe notato un’auto – e dietro un furgone – con all’interno una donna che con una scusa avrebbe tentato di attirare una bambina.

Giunti sul posto gli agenti hanno raccolto le varie testimonianze. Ma del presunto rapitore nessuna traccia. Intanto il messaggio vocale rimbalza di chat in chat scatenando il panico tra i genitori.

In poche ore quell’audio ha fatto il giro di mezza città tanto da essere etichettato sull’app come “inoltrato molte volte“.

Le volanti dell’Ufficio prevenzione generale e del commissariato Zisa-Borgo Nuovo hanno raggiunto il plesso di via Tindari per verificare l’accaduto.

Davanti ai cancelli ci sono una decina di mamme. Alcune parlerebbero proprio dell’ultimo presunto avvistamento. Qualcuno invece ignorava il “pericolo”.

Il consiglio che arriva dalle forze dell’ordine, che vogliono comunque tranquillizzare i genitori, è di tenere sempre gli occhi aperti ma di non diffondere informazioni non verificate che rischiano di scatenare il panico.