Studentessa messinese violentata in un campus a Torino: fermato un minorenne tradito dal Dna

Studentessa messinese violentata in un campus a Torino: fermato un minorenne tradito dal Dna

MESSINA – C’è un fermo nell’indagine sul caso della ragazza messinese violentata in un campus universitario a Torino.

Si tratta di un minorenne, cittadino italiano di origine centroafricana, che è stato rintracciato dalla polizia.


Il sospettato si sarebbe introdotto all’interno della residenza universitariaPaolo Borsellino“, gestito dall’Edisu, sabato 30 ottobre e avrebbe abusato della 23enne.

La vittima, dopo essere stata visitata prima dai medici del centro anti-violenza dell’ospedale Sant’Anna e poi da quelli delle Molinette, ha fornito un racconto dettagliato, permettendo anche di recuperare il Dna del suo aggressore.

Sono stati esaminati i filmati delle telecamere di sorveglianza e alcuni fotogrammi sono stati estrapolati e distribuiti agli equipaggi delle Volanti.

Decisivo l’esito della comparazione del Dna. I pregressi riscontri investigativi e le risultanze di natura scientifica hanno costruito un solido quadro indiziario, tanto che è stata adottata la misura precautelare.

Del caso ora si occupa la Procura Minorile, per il momento si procede per violenza sessuale.