Lipari, cartelloni e proteste per il blocco della “Nerea”: “Mobilità indebolita ulteriormente”

Lipari, cartelloni e proteste per il blocco della “Nerea”: “Mobilità indebolita ulteriormente”

LIPARI – Una mattinata di proteste quella vissuta al porto di Lipari dove, armati di cartelloni e megafono, associazioni, imprenditori e abitanti si sono riuniti per protestare contro le continue carenze al sistema dei collegamenti marittimi.

Le proteste spontanee

La goccia che fa traboccare il vaso è il blocco della motonave Nerea, ferma in porto da ormai 10 giorni dopo l’incidente che aveva colpito un marittimo per lo spezzamento di una cima“.

Così in una nota il presidente di Federalberghi Eolie, Christian Del Bono, spiegando che attualmente le motonavi ferme sono quattro.

Pur nel rispetto del lavoro della magistratura e degli inquirenti– si legge nella nota- non si ritiene accettabile che possa perdurare un’incresciosa assenza di notizie e di comunicati, da parte della compagnia e dalla Regione Siciliana, e che il mezzo non sia ancora stato sostituito“.

Mobilità indebolita ulteriormente

Il presidente Del Bono ha poi evidenziato che “é stato rimarcato come il fermo del mezzo, su una tratta essenziale, stia ulteriormente indebolendo la mobilità e la continuità territoriale degli isolani e creando pesanti ripercussioni sulle locali capacità di approvvigionamento”.

E ancora: “Le isole continuano, inoltre, ad essere pesantemente penalizzate per il doppio (giugno 2022 e dicembre 2023) e scellerato aumento tariffario che grava ancora sui collegamenti marittimi gestiti in convenzione statale”.



E continua: “Un aumento che ha fatto lievitare le tariffe di circa il 56%, con il conseguente incremento dei costi di tutti i beni e servizi e, oltre agli aggravi sulla comunità locale, la perdita di competitività della destinazione turistica”.

Presente anche il sindaco di Lipari

Come sottolineato nella nota, alla protesta era presente anche il sindaco di Lipari: “Nel corso dell’incontro, si è registrata anche la presenza del sindaco di Lipari, Riccardo Gullo, che ha solidarizzato e ringraziato i presenti, evidenziando le grandi difficoltà in cui anche i sindaci isolani si muovono, sempre in attesa che venga convocato il tavolo tecnico regionale“.

La comunicazione della Regione siciliana

La Regione siciliana, tramite l’assessorato delle Infrastrutture  della mobilità, sta seguendo con la massima attenzione la vicenda della “Nerea”, la nave sequestrata dalla magistratura lo scorso 19 maggio in seguito ad un incidente che ha coinvolto un marinaio e il cui blocco sta causando disagi ai cittadini delle isole Eolie.

In base alle informazioni ricevute dalla compagnia armatrice la situazione potrebbe tornare alla normalità a breve, appena l’autorità giudiziaria avrà concluso le indagini, tanto che l’equipaggio è già stato allertato ed è pronto a riprendere servizio.

Nel caso in cui, invece, la procedura di dissequestro dovesse ulteriormente prolungarsi, gli armatori hanno comunicato all’assessorato che garantiranno la regolarità dei collegamenti con l’arcipelago eoliano con un’altra  nave.