Controesodo a Messina, code ai traghetti e traffico in aumento: gli effetti del ritorno dalle vacanze

Controesodo a Messina, code ai traghetti e traffico in aumento: gli effetti del ritorno dalle vacanze

MESSINA – Si è intensificato, come previsto durante gli ultimi giorni di agosto, il fenomeno del controesodo a Messina. Anche oggi un notevole afflusso di auto di ritorno dai vacanzieri si sono allineate in coda per raggiungere i punti di imbarco dei traghetti.

Di ritorno dalle vacanze: il controesodo a Messina

Fin dalla notte e per gran parte della mattinata, c’è stato un flusso costante di veicoli che arrivano dal viale Boccetta e dagli altri svincoli autostradali, ma il traffico è stato fluido.

Agenti della polizia municipale hanno pattugliato gli incroci più critici, soprattutto quelli di Boccetta e lungo il serpentone che conduce agli imbarcaderi.

La segnaletica lungo le strade coinvolte nel controesodo guida i guidatori verso gli imbarcaderi privati e quelli della compagnia Bluferries.

Traffico dei vacanzieri intrecciato con quello cittadino? Il piano del Comune

Comune e Prefettura hanno già predisposto percorsi mirati per evitare che il traffico dei vacanzieri in arrivo si intrecci con quello cittadino.



Il viale della Libertà è stato destinato alle auto dei viaggiatori che devono imbarcarsi sui traghetti. Le attese per l’imbarco sono mediamente di circa un’ora, ma possono variare a seconda dell’intensità del traffico.

Situazione lungo l’A20 e altri tratti stradali

L’autostrada registra anch’essa un traffico sostenuto, con alcune code ai caselli, soprattutto sulla A/20 Messina-Palermo, nel tratto tra Villafranca Tirrena e Messina, in direzione Messina.

Verso tarda mattinata, si osservano poche auto in fila alla barriera di Tremestieri sulla A/18 Messina-Catania in direzione Messina.

Foto di repertorio