Mercoledì delle Ceneri, l’inizio della Quaresima e del sacrificio cristiano: l’omelia di Papa Francesco

Mercoledì delle Ceneri, l’inizio della Quaresima e del sacrificio cristiano: l’omelia di Papa Francesco

Oggi, 17 febbraio 2021, è il cosiddetto Mercoledì delle Ceneri. Si tratta di una celebrazione molto importante nel mondo cristiano cattolico, in quanto è il mercoledì precedente la prima domenica di Quaresima che, appunto, coincide con l’inizio della Quaresima. Si tratta di un periodo caratterizzato dalla penitenza cristiana, in cui il credente si prepara alla Pasqua osservando il digiuno e l’astinenza dalle carni, oltre alla preghiera.

Tradizionalmente segue il martedì Grasso, l’ultimo giorno di carnevale in cui si abbuffa a tavola prima di seguire i precetti della Quaresima. La stessa etimologia della parola Carnevale (dal latino carnem e levare, “eliminare la carne”) farebbe da sfondo a tali precetti del digiuno ecclesiastico e dell’astinenza dalla carne.

Papa Francesco, nel corso della Messa delle Ceneri ha definito la Quaresima come un viaggio di ritorno a Dio, il quale “ci aspetta nei buchi più dolorosi della vita“. Un viaggio che nel mondo cristiano non può essere portato a termine se non con dei sacrifici simbolici (come quello del digiuno).



Dalla tavola alla Chiesa, la cerimonia di imposizione delle Ceneri ha un forte valore simbolico e spirituale. Il parroco infatti, nel corso della celebrazione, sparge della cenere sulla testa dei fedeli. Il significato del gesto risiede nella precarietà della vita terrena (“Ricordati che sei polvere e polvere ritornerai“) e rappresenta un segno di pentimento dell’uomo verso Dio.

Immagine di repertorio