Stop quarantena vaccinati e lockdown per i No-Vax: nuove regole per l’avanzare della Variante Omicron

Stop quarantena vaccinati e lockdown per i No-Vax: nuove regole per l’avanzare della Variante Omicron

ITALIA – Si svolgerà oggi pomeriggio la riunione del Comitato Tecnico Scientifico convocato per decidere circa le nuove modalità e tempistiche della quarantena a seguito dell’avvenuto contagio o contatto con un positivo.

In primis i governatori delle varie Regioni hanno le idee chiare su cosa discutere. Si valuterà di alleggerire e, se è il caso, cambiare il sistema del contact tracing, eliminando la quarantena per i vaccinati con la terza dose che sono venuti a contatto con un positivo. Proprio in questi casi, si dovrà effettuare il tampone solo se il soggetto dovesse risultare sintomatico.


Ancora, si propone di far terminare l’isolamento per chi è positivo dopo 10 giorni (di cui almeno gli ultimi 3 senza alcun sintomo) anche senza un test negativo.

Inoltre si chiederà l’introduzione del Super Green Pass sui luoghi di lavoro. Ma non è tutto: oltre all’azzeramento della quarantena, ci sarà l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2 e l’autosorveglianza per le persone che hanno copertura vaccinale completa, booster incluso, e un tempo di 5 giorni per chi ha ricevuto soltanto due dosi.

Sicuramente resterà di dieci giorni il periodo di isolamento per i non vaccinati. Resta, con tutta probabilità, il periodo di “lockdown” per i No-Vax contagiati.

Potrebbero essere riveduti anche la definizione di “contatto stretto“, che espone ad “alto rischio” e anche il concetto di “basso rischio“. In quest’ultimo caso la quarantena può essere revocata a seguito di test antigenico o molecolare negativo in assenza di sintomi.

Al centro delle discussioni anche eventuali deroghe o riduzioni dei giorni di quarantena per quegli operatori sanitari venuti a contatto, fuori dal proprio ambito lavorativo, con persone positive. Il tutto per evitare anche carenza di personale.

In arrivo anche una probabile stretta nelle scuole, per quanto riguarda la gestione dei contagi in classe. Si potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di prevedere la Dad per l’intera classe anche nel caso di un solo contagiato.

Foto di repertorio