Tar di Catania, sospesa ordinanza 5G di Cateno De Luca: “I primi cittadini devono attenersi alle direttive statali”

Tar di Catania, sospesa ordinanza 5G di Cateno De Luca: “I primi cittadini devono attenersi alle direttive statali”

MESSINA – Sospesa dal Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia, sezione staccata di Catania, l’ordinanza con cui Cateno De Luca, sindaco della città peloritana, vieta di installare e diffondere sul territorio del Comune che amministra, impianti con tecnologia 5G, aspettando i risultati aggiornati dei dati scientifici.


La notizia, riportata da La Sicilia, dice che il ricorso è stato proposto da una compagnia telefonica, secondo cui il provvedimento andrebbe in contrasto con l’esigenza di garantire il servizio di telefonia mobile.


Nell’attesa, il Tar di Catania ha stabilito che per questo tipo di decisioni, la giurisprudenza non ammette la regolamentazione attraverso ordinanze contingibili e urgenti come avvenuto nel caso di specie, la quale deve dunque essere sospesa al fine di evitare ostacoli alla diffusione del servizio di telefonia.


La valutazione degli stessi, si legge nell’articolo,  è di competenza dell’ARPA, organo deputato al rilascio del parere prima dell’attivazione della struttura e al monitoraggio del rispetto dei limiti prestabiliti normativamente dallo Stato.



Infatti, il Decreto Legge Semplificazioni, stabilisce che i primi cittadini devono attenersi alle direttive statali: se le infrastrutture rispetteranno i limiti di emissione dei campi elettromagnetici e i piani urbanistici, non potrà essere vietata la loro installazione.

Pertanto, l’udienza di merito è stata fissata per il 3 dicembre prossimo.

Immagine di repertorio