Succede a Catania e provincia: 15 maggio POMERIGGIO

Succede a Catania e provincia: 15 maggio POMERIGGIO

CATANIA – Ecco le principali operazioni condotte dai carabinieri e polizia a Catania e provincia:

  • I carabinieri della stazione di Catania Piazza Dante hanno arrestato il 38enne catanese Antonino Cardarone, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal tribunale di Catania. L’uomo, già condannato dai giudici per furto aggravato, reato commesso a Paternò il 19 settembre 2018, dovrà scontare un residuo della pena comminatagli equivalente a 1 anno e 11 giorni di reclusione. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato posto in regime di detenzione domiciliare.



  • Gli agenti della polizia di frontiera di Catania, in collaborazione con la polizia di frontiera di Roma Fiumicino, hanno denunciato in stato di libertà per furto aggravato il 30enne R.F., il quale, durante le operazioni d’imbarco a Catania, era riuscito a impossessarsi, trafugandolo alla proprietaria, anch’ella impegnata nei controlli di sicurezza, di un costoso cellulare. L’uomo è stato individuato e bloccato al suo arrivo allo scalo romano, dopo che una serrata indagine dei poliziotti catanesi, in cui si sono rivelate preziose le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza interni dell’aeroporto, aveva permesso di identificare il responsabile del furto il quale, però, aveva avuto il tempo sufficiente per imbarcarsi sull’aeromobile. Contattati i colleghi di Fiumicino, gli agenti hanno trasmesso i dati somatici e la descrizione dell’uomo ricercato, permettendo ai colleghi romani di fermarlo e condurlo negli uffici di polizia di Frontiera, dov’è stato trovato in possesso della refurtiva e, quindi, formalmente indagato.