Sequestrata la rete idrica di Lentini: indagati sindaco ed ex sindaco

Sequestrata la rete idrica di Lentini: indagati sindaco ed ex sindaco

SIRACUSA – La presunta non potabilità dell’acqua della sorgente Paradiso, che rifornisce il centro storico e i quartieri Soprafiera, Quartarari, San Paolo e zone limitrofe della città di Lentini, ha fatto sì che fosse notificato un avviso di garanzia per omissione in atti d’ufficio nei confronti dell’attuale sindaco di Lentini, Saverio Bosco, e del suo predecessore, Alfio Mangiameli.

Il provvedimento emesso dal giudice per le indagini preliminari di Siracusa, Giuseppe Tripi, su richiesta del sostituto procuratore Giovanni Pagano, ha disposto il sequestro di alcune zone della rete idrica comunale (la sorgente Paradiso, il pozzo Crocifisso e i serbatoi Cozzonetto e Crocifisso), sulle quali già dal giugno del 2014 vengono eseguite le dovute indagini. 

 

Commenti