Mini telefoni e ovuli di droga scoperti durante perquisizione in carcere: la Procura apre un’inchiesta

Mini telefoni e ovuli di droga scoperti durante perquisizione in carcere: la Procura apre un’inchiesta

AUGUSTA – Cellulari e ovuli di pieni di droga ritrovati all’interno di una cella del carcere di Augusta, scattano le indagini della polizia penitenziaria.


La vicenda risale allo scorso mercoledì, quando all’interno dell’istituto penitenziario sarebbe stato trovato un numero considerevole di mini cellulari, una dozzina, e degli involucri contenenti della sostanza stupefacente.


Non è chiaro come il detenuto soggetto della perquisizione sia riuscito a far entrare all’interno della struttura i telefoni e la droga, né tantomeno a chi fossero indirizzati.


La Procura avrebbe aperto un’inchiesta per risalire ai motivi e agli eventuali collegamenti che il detenuto avrebbe intrattenuto sia all’interno che all’esterno dell’edificio.



Immagine di repertorio