Mare Jonio, comandante nel registro degli indagati: non si sarebbe fermato all'Alt della Finanza - Newsicilia

Mare Jonio, comandante nel registro degli indagati: non si sarebbe fermato all’Alt della Finanza

Mare Jonio, comandante nel registro degli indagati: non si sarebbe fermato all’Alt della Finanza

LAMPEDUSA – Pietro Marrone, comandante della nave Mare Jonio, gestita dall’Ong italiana Mediterranea, è stato iscritto nel registro degli indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

L’imbarcazione, attualmente sotto sequestro probatorio, è entrata al porto di Lampedusa (provincia di Agrigento) ieri sera dopo diverse ore di dibattiti politici e controlli della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto. Tuttavia, la vicenda non si è ancora conclusa: la procura di Agrigento, infatti, ha già avviato un’inchiesta.



L’accusa a carico di Marrone, secondo quanto rivelato dalle autorità, è di non essersi fermato all’Alt delle forze dell’ordine e di non aver spento i motori, come ordinato, quando la Mare Jonio si trovava a poche miglia dalla costa lampedusana.

La difesa sostiene che l’ordine non potesse essere eseguito senza mettere a rischio il personale e i 49 migranti a bordo (12 dei quali minorenni), compreso un passeggero in cattivo stato di salute.


Nelle prossime ore i membri dell’equipaggio verranno interrogati per fare luce sulla vicenda e ottenere dettagli rilevanti ai fini delle indagini.

Fonte immagine: Ansa