Magnete sul contatore di una ditta di surgelati, energia elettrica “gratis”: tre denunce

Magnete sul contatore di una ditta di surgelati, energia elettrica “gratis”: tre denunce

REALMONTE – Ieri, nelle prime ore della mattinata, personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico collaborato dal personale di “e-distribuzione” (ex Enel Distribuzione), si è recato a Realmonte (Agrigento) in una nota ditta di surgelati, dove a seguito di alcuni accertamenti tecnici svolti dal personale “e-distribuzione”, si presumeva il furto di energia elettrica. 

Sul posto una pattuglia si è messa su uno slargo della strada comunale nei pressi della ditta, al fine di tenere sotto controllo il vano porta contatore, ubicato sul muro dell’azienda. In tale frangente, le apparecchiature tecniche di “e-distribuzione” hanno rilevato un modestissimo consumo di energia elettrica. 


Gli operatori dell’altra pattuglia, dopo esser entrati con un responsabili della ditta, hanno notato che un uomo anziano, repentinamente, armeggiava vicino al contatore elettrico. A seguito di tale manovra, gli agenti e i tecnici, hanno constatato l’immediato e abnorme innalzamento dei consumi.

Ciò faceva presumere che l’oggetto maneggiato fosse un magnete, utilizzato in maniera fraudolenta per commettere il furto di energia elettrica, posizionandolo sulla parte superiore del contatore elettrico al fine di provocare un “errore” del -90% circa. 



Gli operatori, effettuando un’accurata perquisizione nei locali della ditta, nell’abitazione privata e in un appezzamento di terreno pertinente; nel terreno, poco distante dal contatore, hanno trovato un magnete di grosse dimensioni servito a sottrarre abusivamente energia elettrica.

Gli agenti operanti hanno proceduto al sequestro del magnete e del contatore elettrico sul quale erano presenti inequivocabili segni di “simil-strofinamento”, dati certamente dal forte attrito con la superficie.

I tre soggetti, pertanto, sono stati denunciati in stato di libertà all’autorità giudiziaria per il reato di furto aggravato di energia elettrica in concorso.

In via cautelare, sono state ritirate le armi e le munizioni regolarmente detenute dai tre individui.

Immagine repertorio