La tossicodipendenza e l’eroina di scarsa qualità, così i fratelli Forestieri uccisero Nastasi – I DETTAGLI

La tossicodipendenza e l’eroina di scarsa qualità, così i fratelli Forestieri uccisero Nastasi – I DETTAGLI

PACHINO – Dalla sera del 4 gennaio 2015 di Emanuele Nastasi, 34enne di Pachino (SR), non si ha più alcuna notizia. Il cellulare ha smesso di funzionare già prima di mezzanotte e, poco dopo, nell’isolata contrada Campo Reale venne ritrovata la sua auto in fiamme.

Sono state messe in giro voci per depistare le indagini che dicevano che si fosse allontanato volontariamente. Nessuna lettera di addio, né altri indizi che potessero fare pensare alla sua fuga o ad un gesto autolesionistico. Il corpo non è mai stato ritrovato.


Un mistero che è stato risolto grazie all’acume investigativo dei carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Noto (SR), le cui indagini sono state dirette dal sostituto procuratore Gaetano Bono e coordinate dal procuratore aggiunto della Repubblica Fabio Scavone.

Oggi, infatti, si sa che Emanuele Nastasi è stato ucciso e si conoscono i nomi degli autori dell’omicidio. Si tratta di Raffaele Forestieri e Paolo Forestieri.



Raffaele Forestieri

Questa mattina, infatti, i carabinieri della compagnia di Noto, coadiuvati da quelli del Nucleo cinofili di Nicolosi (CT) e con l’ausilio di un elicottero del 12° Elinucleo di Catania, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari di Siracusa, hanno arrestato Raffaele Forestieri, detto Rabbiele, pachinese di 42 anni, e lo hanno condotto nel carcere di Noto.

Paolo Forestieri, invece, è stato ucciso nel marzo del 2015. Durante le perquisizioni eseguite al momento dell’arresto, i carabinieri hanno sequestrato una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, 77 proiettili del medesimo calibro, 16 grammi di cocaina e ben 900 grammi di marijuana, oltre a circa 1.200 euro in banconote di vario taglio, tutto materiale ritrovato nelle pertinenze delle case popolari dove vive il Forestieri.

Saranno ora svolti specifici accertamenti volti ad attribuire la riconducibilità del materiale sequestrato e in particolare l’arma sarà inviata al RIS di Messina perché su di essa siano svolti specifici accertamenti dattiloscopici e balistici utili a stabilire chi ne fosse il detentore e se essa sia stata già utilizzata in qualche evento delittuoso in passato.

La storia della morte di Emanuele Nastasi si interseca con il suo stato di tossicodipendenza. Nell’ultimo arco della sua vita, Nastasi comprava l’eroina da Paolo Forestieri e Rabbiele Forestieri, quest’ultimo pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti già all’epoca dei fatti.

Ed è proprio da un debito di droga di appena 80 euro che trae origine l’odierna vicenda. In particolare, circa una settimana prima della scomparsa, Nastasi aveva acquistato un quantitativo di eroina da Paolo Forestieri per un prezzo concordato di 80 euro, ma la droga era di scarsa qualità e di quantità inferiore rispetto al prezzo pattuito. Ed Emanuele Nastasi non esitò a contestarlo ai suoi spacciatori.

Il suo coraggio e la sua irriverenza gli furono fatali: aveva osato ribellarsi a Paolo e Rabbiele Forestieri e quest’ultimo è solito sottomettere i suoi debitori incutendo timore con la sola presenza, specie nel complesso delle case popolari di via Mascagni, dove si atteggia a piccolo boss forte del suo curriculum criminale e della sua pericolosità sociale, ben nota ai locali residenti, traendone profitto dalla consapevolezza della sostanziale libertà d’azione ed impunità per l’omertà e il senso di paura e oppressione in cui vivono i residenti del complesso.

Il materiale ritrovato e sequestrato questa mattina dai carabinieri indica il genere di traffici che ruotano intorno alla zona. Ma non c’è impunità che tenga, di fronte a organi inquirenti che sono riusciti pazientemente a ricostruire le tessere di un mosaico e, sia pur a cinque anni di distanza, sono riusciti a ritrovare tutti gli indizi in grado di inchiodare i Forestieri alle loro responsabilità.

Un omicidio al momento senza cadavere, o come si dice in gergo, un caso di lupara bianca. Il corpo del giovane Emanuele è stato lungamente cercato, ma invano. Sono stati ispezionati vari siti nell’area tra i comuni di Pachino e Portopalo di Capo Passero, anche unitamente a personale specializzato del Nucleo Speleo-Alpino-Fluviale del comando provinciale dei vigili del fuoco di Siracusa.