Il dramma di una madre nel Catanese, presa a pugni dal figlio perché non si sentiva di cucinare: 37enne in manette

Il dramma di una madre nel Catanese, presa a pugni dal figlio perché non si sentiva di cucinare: 37enne in manette

ADRANO – La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un 37enne adranita per lesioni personali. Nello specifico, gli agenti del commissariato di Pubblica Sicurezza di Adrano (CT), hanno proceduto alla denuncia del predetto, che per futili motivi ha aggredito, procurandole delle lesioni personali, la propria madre.


A seguito di segnalazione pervenuta al centralino del commissariato, la Volante si è immediatamente recata sul posto segnalato, dove si trovava ad aspettare gli operatori di polizia, il fratello del denunciato. Questi ha dato subito una sommaria descrizione dei fatti accaduti e ha accompagnato gli agenti a casa della propria madre.


Quest’ultima, ancora in stato di forte agitazione, ha messo subito al corrente gli investigatori di cosa fosse successo, raccontando che avendo avuto un malore, non si sentiva nelle condizioni di poter preparare il pranzo per quella giornata, motivo che ha scatenato l’ira furibonda del figlio.


Questi, infatti, ha sferrato un pugno alla madre procurandole lesioni e distruggendo le suppellettili di casa. Pertanto, la donna ha sporto denuncia e per il figlio sono state espletate tutte le formalità di rito per il suo deferimento all’autorità giudiziaria.



Terminate le operazioni, la persona denunciata è stata allontanata dalla casa familiare onde evitare il ripetersi di analoghi fatti incresciosi.

Immagine di repertorio