Femminicidio nel Catanese, arrestato Giuseppe Randazzo: così sarebbe morta Caterina Di Stefano

Femminicidio nel Catanese, arrestato Giuseppe Randazzo: così sarebbe morta Caterina Di Stefano

CALTAGIRONE – Nel primo pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato, con agenti del commissariato di Caltagirone hanno arrestato il calatino 50enne Giuseppe Randazzo, ritenuto responsabile dell’omicidio della moglie.


I poliziotti sono intervenuti sul luogo del delitto a seguito di una segnalazione al 112 N.U.E., raggiungendo immediatamente il condominio sito di via Pietro Mascagni dove era stata segnalata una donna giacente a terra, priva di vita.


Sul posto, gli agenti hanno riscontrato la presenza del marito, in evidente stato di agitazione, che si trovava vicino al corpo ormai privo di vita della moglie, Caterina Di Stefano.



Sul posto è giunto il pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica di Caltagirone che ha coordinato le prime indagini che si sono anche avvalse dei rilievi effettuati dal personale della Polizia Scientifica della sezione di Caltagirone.

È stato così appurato che i due avrebbero avuto una violenta colluttazione. Tale circostanza è stata anche confermata dalle prime ricognizioni, attraverso le quali è stata accertata la presenza di ecchimosi e segni di lotta sul corpo della vittima.


Anche Randazzo presentava evidenti segni di colluttazione, a prima conferma della tesi che ha indotto gli investigatori a ipotizzare uno scontro con la moglie.

A seguito di immediate e accurate indagini, si è accertato che in questi ultimi periodi la coppia aveva avuto contrasti a seguito della separazione voluta dalla donna. Per tali incomprensioni, è emerso che la vittima aveva deciso di separarsi dal marito.

Completate le formalità di rito, il 50enne è stato dichiarato in stato di arresto per il reato di omicidio e, su disposizione del pubblico ministero, rinchiuso nel carcere di Caltagirone, a disposizione della locale autorità giudiziaria.

Fonte immagine La Sicilia