Emergenza nell’emergenza, a Lampedusa altri 156 migranti. Martello: “Non sappiamo dove metterli”

Emergenza nell’emergenza, a Lampedusa altri 156 migranti. Martello: “Non sappiamo dove metterli”

LAMPEDUSA – Proseguono gli sbarchi a Lampedusa. Dopo i circa 150 migranti di ieri, giunti in tre diversi sbarchi, stanotte a Lampedusa, sono arrivate altre 156 persone su una imbarcazione scortata da Guardia di Finanza e Capitaneria di Porto.


Molti si sono confusi con migranti di precedenti sbarchi, bloccati su quella striscia di cemento che da quasi un mese è il ricovero di chi arriva dopo la traversata in mare. Al tempo del Coronavirus, i nuovi arrivati non possono unirsi a chi ha già trascorso la quarantena in isolamento e attende di lasciare l’Isola.Farlo significherebbe far ripartire da capo la conta dei giorni.


Con i 156 migranti sbarcati stanotte, ci sono sull’isola 380 migranti, se non è emergenza questa, insieme al Covid e all’emergenza economica”. Così il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello ai microfoni di Skytg24, sottolineando che “116 migranti stanno per essere trasferiti nell’hotspot. Non sappiamo dove mettere tutti questi“.


Poi c’è la questione della nave-quarantena: oggi l’aggiudicazione della gara e l’individuazione del natante che farà da spola tra Lampedusa e Pozzallo: “Oggi l’attesa comunicazione degli esiti della gara – prosegue Martello – un passo richiesto e voluto, ma non potrà essere sufficiente con questi numeri”.



Immagine di repertorio