Dal carcere alla frontiera per il rimpatrio: eseguiti provvedimenti di espulsione per due albanesi

Dal carcere alla frontiera per il rimpatrio: eseguiti provvedimenti di espulsione per due albanesi

SIRACUSA – Gli agenti della Polizia di Stato hanno eseguito due provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale, emessi dai Tribunali di Siracusa e di Catania, nei confronti di due cittadini albanesi detenuti nel carcere di Augusta con fine pena previsto, rispettivamente, il 22 febbraio e il 2 novembre del 2021.


I due cittadini albanesi si trovavano in carcere perché responsabili dei reati di omicidio doloso, tentato omicidio, produzione e traffico di stupefacenti, ricettazione, furto aggravato, rapina, porto di armi od oggetti atti ad offendere, danneggiamento ed evasione.


Gli agenti li hanno prelevati dall’Istituto di pena ed accompagnati alla frontiera di Bari, dove sono stati imbarcati su una nave diretta in Albania per essere rimpatriati nel paese di origine.


Nella stessa giornata è stato espulso dal territorio nazionale, con contestuale ordine del Questore di Siracusa a lasciare lo Stato italiano entro sette giorni dalla notifica, un cittadino straniero di origine ucraina, scarcerato dal carcere di Siracusa.



Lo stesso, sbarcato clandestinamente ad Augusta, annovera precedenti penali per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Immagine di repertorio