Catania, dal produttore al consumatore: auto parcheggiate “smontate” come ricambi meccanici, due arresti

Catania, dal produttore al consumatore: auto parcheggiate “smontate” come ricambi meccanici, due arresti

CATANIA – I carabinieri del Nucleo Radiomobile del comando provinciale di Catania hanno arrestato il 42enne catanese Agatino Giuffrida e il 40enne Andrea Condorelli (nelle foto in basso da sinistra verso destra) di Misterbianco (CT), perché responsabili di furto aggravato.



I militari stavano transitando intorno alla mezzanotte lungo via Rosso di San Secondo, quando la loro attenzione si è concentrata su una Peugeot 206 che era stranamente parcheggiata nonostante occupasse buona parte della carreggiata, tra l’altro eccessivamente accostata a una Lancia Y regolarmente posteggiata, quindi si sono avvicinati ma, proprio in quel momento, dal retro della Lancia sono sbucati due uomini che di tutta fretta hanno cercato di risalire a bordo della Peugeot.


Immediatamente i militari hanno provveduto a bloccare i fuggiaschi, scoprendo che i due stavano procurandosi ricambi di autovettura con un costo pari allo zero, nonostante l’operazione di smontaggio fosse di particolare impegno.


I malviventi, in particolare, avevano sollevato la Lancia Y con un cric idraulico ed erano in quel momento intenti a smontare nientedimeno che la marmitta, sin dal collettore di scarico.

All’interno della Peugeot, inoltre, i militari hanno rinvenuto una sorta di officina viaggiante ed un catalizzatore comprensivo di sonda lambda della cui presenza i due ladri, ovviamente, non sono riusciti a fornire spiegazione.

I due arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.