Assembramenti e violazioni, 100 giovani sorpresi in un slargo vicino a un’attività: chiuso un bar

Assembramenti e violazioni, 100 giovani sorpresi in un slargo vicino a un’attività: chiuso un bar

BAGHERIA – Nel corso delle ultime ore, la Polizia di Stato ha effettuato stringenti controlli in ambito amministrativo, non soltanto nel capoluogo palermitano ma anche in seno alla provincia, in particolare a Bagheria, luogo tra i più popolosi e rilevanti della costa orientale del palermitano dal punto di vista commerciale.


Spesso accade, nel corso di questo genere di servizi, che verifiche e riscontri registrino violazioni di natura amministrativa che, facilmente, sconfinano nel penale: è quello che è accaduto anche nel corso dei controlli condotti da personale del commissariato di P.S. Bagheria, coadiuvati da personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura, nonché da personale del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia-Occidentale.


Due sono stati gli esercizi commerciali, ricadenti in due grosse arterie cittadine, dove, a tarda sera, sono state riscontrate le più gravi violazioni: in un bar si è verificata la presenza di oltre 100 giovani sorpresi a sostare in uno slargo attiguo all’esercizio, in spregio alle disposizione che vietano gli assembramenti per la prevenzione.


Infine, è stato accertato come siano stati serviti alcolici a due minori, uno di quasi 18 e l’altro di 16 anni. L’assembramento ha comportato la chiusura amministrativa dell’esercizio per 5 giorni, mentre l’assenza della tabella una contestazione di natura penale; l’aver servito alcolici ai minori, una sanzione amministrativa e una denuncia penale.



In un secondo bar-ristorante è stato accertato lo svolgimento di un evento di intrattenimento musicale dal vivo senza la prescritta autorizzazione, motivo per cui sarà elevata una contestazione di 5.000 euro. È stata acclarata l’assenza di etilometro e di tabella alcolemica, violazione che comporterà l’irrogazione di una sanzione amministrativa; infine, è stata contestata l’occupazione di suolo pubblico con conseguente violazione del Codice della Strada e del Codice Penale.  

I servizi proseguiranno nel corso delle prossime settimane, senza soluzione di continuità, anche in altre zone della provincia.

Immagine di repertorio