Acireale, marito violento evade dai domiciliari per “fare pace” con la moglie che maltrattava

Acireale, marito violento evade dai domiciliari per “fare pace” con la moglie che maltrattava

ACIREALE – Ieri, il personale del Commissariato della Polizia di Stato di Acireale (Catania) ha arrestato il 44enne acese M.M., già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, per i reati di lesioni e maltrattamenti nei confronti della moglie e dei figli.


Lo scorso 16 agosto l’uomo, senza alcuna autorizzazione, si era allontanato dal domicilio dei genitori dove si trovava ristretto per recarsi nell’abitazione della persona offesa, con l’intento di “riallacciare un consensuale rapporto sentimentale”.


Sono state attivate le ricerche che si erano concluse positivamente il giorno successivo quando M.M. ha fatto rientro nell’abitazione, senza dare alcuna valida giustificazione della sua assenza.



Nella circostanza, si era proceduto alla denuncia per l’accertata trasgressione della misura degli arresti domiciliari, con specifico riguardo alla prescrizione di non allontanarsi dal luogo di esecuzione della misura.

La condotta illecita era stata reiterata da M.M. il successivo giorno 19, quando ancora sottoposto alla pena detentiva, non era stato trovato in casa al momento del controllo da parte del personale della Squadra Volanti del Commissariato.


Pertanto, l’uomo è stato denunciato per il reato di evasione, ed era stata fatta richiesta di un aggravio della misura cautelare per il pericolo di reiterazione criminosa.

A seguito di ciò, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catania ha emesso a carico di M.M. la sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in carcere, dove è stato immediatamente trasferito.

Immagine di repertorio