Catania SSD, campionato di Serie D ai nastri di partenza: novità dal Massimino e le intenzioni di Pelligra

Catania SSD, campionato di Serie D ai nastri di partenza: novità dal Massimino e le intenzioni di Pelligra

CATANIA – Un primo assaggio, poco veritiero, di quello che sarà il nuovo Catania SSD è stato offerto la scorsa domenica, in un incontro che ha visto la squadra di Pelligra affrontare e perdere ai calci di rigore il match contro la Sancataldese valevole per la coppa italia Serie D. Nonostante il notevole divario sulla carta, gli etnei non sono riusciti a imporsi. Il nuovo tecnico Giovanni Ferraro ha schierato la formazione con un consueto 4-3-3.

Sono risultati fatali gli errori dal dischetto da parte di Rizzo e Chinnici. Ai tifosi catanesi resta il rammarico dell’eliminazione dalla coppa, ma la consapevolezza che la squadra, con qualche piccolo ritocco, potrà dire la sua in campionato.


La preparazione cominciata in netto ritardo rispetto alle dirette concorrenti è stata una delle cause di un Catania apparso con le polveri bagnate nonostante un campagna acquisti all’occhiello con innesti di spessore, molti dei quali di categoria superiore.

Come detto poco prima, testa al campionato. Tanti gli interrogativi sulla data di inizio del torneo di Serie D. Partenza prevista per domenica 4 settembre ad eccezion fatta per il girone I, che slitterà a domenica 18.

Tre le soste previste: 25 dicembre, 1 gennaio e 12 marzo 2023 per gli impegni della Rappresentativa Serie D alla prossima edizione della Viareggio Cup. Per quanto riguarda i turni infrasettimanali, in due occasioni coinvolgeranno tutti i gironi, vale a dire il 21 dicembre e il 6 aprile 2023.

Spostandoci sul tema tanto caro ai tifosi, da capire quando verranno resi noti i dettagli relativi alla campagna abbonamenti e sulla possibilità di trasmettere le partite del prossimo torneo su importanti circuiti televisivi (modello Ternana).

Il calciomercato ha regalato colpi ad effetto. Ultimo ma non per importanza l’innesto dell’attaccante catanese doc Gianluca Litteri. Tanti anni di tira e molla per una storia che poteva e doveva concludersi con un lieto fine com’è giusto che sia.

Infine, sono arrivate le tanto attese indicazioni dal comune di Catania relativamente alla gestione dello stadio. È stata approvata con 16 voti favorevoli e un astenuto l’esternalizzazione della conduzione, gestione e uso a terzi dello stadio Angelo Massimino, unitamente alle linee guida di gestione, fino a un massimo di 20 anni.

Il comune etneo, così facendo, risparmierà i costi di gestione e di manutenzione dell’impianto. Inoltre, saranno migliorate efficienza e funzionalità dello storico stadio Cibali.

IL GIRONE DEL CATANIA

GIRONE I – Canicattì, Castrovillari, Catania, Città di Acireale, Città di S.Agata, Cittanova, Trapani, FC Lamezia Terme, Licata, Locri, Paternò, Santa Maria Cilento, Ragusa, Real Aversa, San Luca, Sancataldese, Marignlianese, Vibonese, Giarre.

Foto di repertorio