Processo Aquilia, la Corte d’appello di Catania riduce condanna all’ex deputato Pippo Nicotra

Processo Aquilia, la Corte d’appello di Catania riduce condanna all’ex deputato Pippo Nicotra

CATANIA – La seconda Corte d’appello di Catania ha rideterminato nove delle 21 condanne del processo Aquilia a persone accusate di fare parte o di essere vicini a un gruppo collegato alla ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano.

Una pena è stata inoltre concordata tra le parti. La sentenza di primo grado era stata emessa, col rito abbreviato, l’8 maggio del 2020, dal Gup Anna Maria Cristaldi.


Tra gli imputati anche l’ex deputato regionale ed ex sindaco di Aci Catena Raffaele ‘Pippo’ Nicotra, attualmente agli arresti domiciliari, che è stato condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione per concorso esterno all’associazione mafiosa e assolto dal reato di tentativo di estorsione.

In primo grado il Gup gli aveva inflitto sette anni e quattro mesi di reclusione per entrambi i reati, assolvendolo dalla corruzione elettorale come chiesto allora anche dalla Procura.

La Corte d’appello ha interdetto Nicotra per cinque anni dai pubblici uffici, revocando l’interdizione perpetua, quella legale e quella dall’esercizio della responsabilità genitoriale oltre alle statuizioni civili disposte per lui in primo grado.

Nicotra, 66 anni, era stato arrestato il 10 ottobre 2018 dai carabinieri nell’ambito dell’operazione ‘Aquilia’ della Dda della Procura di Catania e poi posto ai domiciliari. In base all’accusa avrebbe pagato 50mila euro per avere l’appoggio del clan Sciuto, legato alla ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano, alle elezioni per le Regionali siciliane del 2008 e 50 euro a voto per la competizione successiva, nel 2012, all’Ars.

Inoltre, grazie al suo ruolo di imprenditore titolare di numerosi supermercati, avrebbe elargito dei favori economici al clan. Nicotra, assistito dai legali Giovanni Grasso e Orazio Consolo, si è sempre proclamato innocente.