Catania, operazione antimafia sgomina clan Cappello-Bonaccorsi: ecco chi sono gli arrestati

Catania, operazione antimafia sgomina clan Cappello-Bonaccorsi: ecco chi sono gli arrestati

CATANIA – La Polizia di Stato, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, in esecuzione del provvedimento applicativo della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catania in data 1 febbraio 2021, dopo le indagini della scorsa notte ha arrestato:

  • Massimiliano Cappello, 54enne;
  • Salvuccio Junior Lombardo, inteso “Salvucciu u ciuraru”, 27enne;
  • Sebastiano Cavallaro, inteso “Seby” o “baffo”, 29enne;
  • Renzo Cristaudo, 28enne;
  • Alessio Finocchiaro, 27enne;
  • Emilio Gangemi, 46enne;
  • Giuseppe Spartano, inteso “u Cussotu “, 32enne;
  • CosteI Suru, alias “Mariu u rumenu”, 37enne,
  • Giuseppe Distefano, inteso “Pumpa”, 44enne;
  • Giuseppe Francesco La Rocca, alias “Colombrino”, 26enne;
  • Francesco Cavallaro, 36enne;
  • Domenico Alessandro Messina, 28enne, già sottoposto per altra causa agli arresti domiciliari;
  • Giusi Messina, 46enne;
  • Giovanni Santoro, inteso “Giuvanni sett’anni”, 38enne.

Catania, vasta operazione antimafia decapita assetti clan Cappello-Bonaccorsi

Il provvedimento del giudice per le indagini preliminari è stato altresì notificato in carcere a:


  • Giuseppe Paolo Rapisarda, inteso “Paolo cupittuni”, 39enne, già detenuto per altra causa.

Catania, armi in mano e sangue in strada: i VIDEO di alcuni membri del clan Cappello-Bonaccorsi

Tutti sono stati ritenuti, a vario titolo, responsabili dei reati di associazione di tipo mafioso (clan Cappello-Bonaccorsi) con l’aggravante di essere l’associazione armata, associazione a delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanza stupefacente e spaccio in concorso delle medesime sostanze con l’aggravante di avere agevolato il clan Cappello-Bonaccorsi; detenzione illegale e porto in luogo pubblico di diverse armi clandestine da guerra nonché ricettazione delle stesse in concorso, con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare il clan Cappello-Bonaccorsi.

Catania, le armi da guerra del clan Cappello-Bonaccorsi nascoste nel quartiere Monte Po’