Abbigliamento contraffatto in un capannone di Misterbianco: sequestrati 18mila articoli

Abbigliamento contraffatto in un capannone di Misterbianco: sequestrati 18mila articoli

MISTERBIANCO – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, nell’ambito del dispositivo posto al contrasto delle condotte illecite di contraffazione di marchi e brevetti, di immissione in commercio di prodotti non sicuri, di falsa o fallace indicazione dell’origine o della provenienza delle merci, hanno sottoposto a sequestro numerosi articoli contraffatti e recanti falso Made in Italy nei confronti di una ditta individuale cinese, con sede a Misterbianco, che fungeva da fornitore a venditori al dettaglio operanti nella provincia etnea.

I Finanzieri della Compagnia di Paternò a seguito di attività investigativa sono risaliti al fornitore cinese.


La successiva ispezione in un capannone di Misterbianco gestito dalla ditta individuale del grossista di etnia cinese ha permesso alle fiamme gialle di Paternò di individuare, occultati dentro alcune scatole nascoste sotto altra merce apparentemente lecita, magliette e tute di note griffe. Il controllo all’intero capannone ha permesso, inoltre, di riscontrare la presenza di numerosissimi capi di abbigliamento attestanti falso Made in Italy che sono stati, insieme alla merce contraffatta, posti sotto sequestro.

Complessivamente sono stati sottoposti a sequestro 5mila articoli contraffatti di note griffes (Gucci, Emporio Armani, Levi’s, Calvin Kelin, Nike, ecc.) e 13mila articoli aventi falsa attestazione del Made in Italy.

L’attività svolta dai finanzieri è collocabile nel contrasto alla criminalità economica finanziaria, un presidio strategico del Corpo che, da sempre, è impegnato a contrastare la contraffazione in modo tale da salvaguardare il tessuto produttivo italiano che, alla luce del particolare momento emergenziale, è divenuto più vulnerabile alle fenomenologie illecite e agli interessi criminali.

IL VIDEO DELL’INTERVENTO