Coronavirus a Catania, la Giunta approva taglio 60% della Tari: ecco le categorie interessate

Coronavirus a Catania, la Giunta approva taglio 60% della Tari: ecco le categorie interessate

CATANIA – I titolari delle utenze non domestiche, vale a dire di attività genericamente commerciali, potranno usufruire del taglio del 60% dei costi della Tari nel periodo che va dal primo marzo al 31 dicembre del 2020. Lo ha stabilito una delibera della giunta comunale presieduta dal vicesindaco Roberto Bonaccorsi nella qualità di sindaco, che ha anche proposto l’atto deliberativo di modifica del regolamento comunale della Tari, quale misura di agevolazione tributaria e riequilibrio per i danni causati dalla pandemia da Covid-19.


Il taglio del 60% della Tari, per 10 mesi su 12, si è reso possibile grazie all’accordo stipulato con la Regione Siciliana che ha ha istituito il fondo perequativo previsto dalla Legge Regionale 12 maggio 2020, n. 9, da destinarsi alla compensazione delle minori entrate dei Comuni che dispongono l’esenzione o la riduzione dei tributi locali, nonché per le concessioni di suolo pubblico e canoni di utilizzo in favore di operatori economici, enti e associazioni per il periodo in cui le suddette attività sono risultate sospese o soggette a limitazione a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Un’intesa del Comune con la Regione attuata per fare fronte alla crisi delle attività economiche, avviata nei mesi scorsi dal sindaco Salvo Pogliese sfociata nel primo step della deliberazione del 17 luglio scorso con il taglio della Cosap e della riduzione 60 % di soli tre mesi, che ora sono diventati dieci, grazie alla determinazione del riparto, del fondo regionale spettante al Comune di Catania per complessivi 13.104.707,62.


Insieme agli uffici della ragioneria -ha spiegato il vicesindaco e assessore alle Finanze Roberto Bonaccrosi – abbiamo operato senza proclami fornendo dettagliatamente i dati relativi alle effettive esenzioni/riduzioni/concessioni previste, e che ai fini dell’accesso al trasferimento regionale da approvare con della delibera della Giunta Municipale entro il termine del 30 ottobre come abbiamo puntualmente fatto. Abbiamo attuato un impegno assunto dal sindaco con i rappresentanti delle attività produttive, lo scorso 17 luglio, che permette uno sgravio importante per la Tari a chi ha un utenza commerciale, come prevede espressamente la legge regionale, oltre a quanto avevamo già fatto con la Cosap/Tosap, iniziativa che il consiglio comunale ha prontamente adottato, come siamo certi farà anche per questi ulteriori importanti agevolazioni”.

Le Categorie di attività ai fini Tari valide per il solo 2020, stabilite dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), sono le seguenti:

  • Associazione, museo, biblioteca, scuola, luogo di culto;
  • Cinematografo, teatro;
  • Campeggi e impianti sportivi;
  • Stabilimento balneare;
  • Esposizione, autosaloni;
  • Alberghi con ristorante;
  • Alberghi senza ristorante
  • Uffici, agenzia;
  • Banca ed istituto di credito, studi professionali;
  • Negozi di abbigliamento, calzatura, libreria, cartoleria;
  • Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato, fiori e piante;
  • Banchi di mercato e negozi di beni durevoli;
  • Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista;
  • Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista;
  • Attività industriali con capannoni di produzione;
  • Attività artigianali di produzione di beni specifici;
  • Ristorante, trattoria, osteria, pizzeria, pub, pizza al taglio;
  • Mensa, Hamburgheria, Birreria;
  • Bar, caffè, pasticceria;
  • Banchi di mercato generi alimentari:
  • Discoteca, night club;
  • Organizzazione di eventi, feste, cerimonie, convegni, fiere, mostre e concerti, servizi di riprese fotografiche e similari.