Casi Covid a Catania, riunione in Prefettura: controlli a tappeto con Esercito e Corpo Forestale

Casi Covid a Catania, riunione in Prefettura: controlli a tappeto con Esercito e Corpo Forestale

CATANIA – In relazione alla prossima entrata in vigore del Decreto Legge 30 dicembre 2021 n. 229 che prevede ulteriori misure di prevenzione e contenimento del Covid-19 si è tenuta stamane, in Prefettura, una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica cui hanno partecipato i Vertici provinciali delle Forze di Polizia, il Commissario Covid Dott. Liberti, l’Ingegnere Leonardi in rappresentanza dell’Asp di Catania, l’Assessore Barresi del Comune di Catania e, in collegamento da remoto, l’Ingegnere Alì, Sindaco di Acireale.

Nella circostanza è stata richiamata l’attenzione, in particolare, sull’obbligatorietà del possesso del green pass rafforzato per l’accesso ai seguenti servizi e attività:


  • alberghi e altre strutture ricettive, compresi i servizi di ristorazione prestati all’interno degli stessi anche se riservati ai clienti ivi alloggiati;
  • sagre e fiere, convegni e congressi;
  • feste conseguenti alle cerimonie civili e religiose;
  • aeromobili adibiti a servizi commerciali e di trasporto di persone;
  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale;
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale;
  • autobus adibiti a servizi di trasporto persone effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari orari e frequenze e prezzi prestabiliti;
  • autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente;
  • mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale e regionale;
  • impianti di risalita con finalità turistico commerciale, anche se ubicati in comprensori sciistici;
  • servizi di ristorazione all’aperto;
  • piscine, centri natatori, sport di squadra e di contatto, centri benessere per le attività all’aperto;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Il summenzionato decreto interviene, inoltre, sull’accesso e l’affluenza degli spettatori agli impianti sportivi, stabilendo che per gli eventi e le competizioni sportive è necessario il possesso del green pass rafforzato mentre la capienza viene ridotta al 50% per gli eventi all’aperto e al 35% per quelli al chiuso. I titolari e gestori dei servizi e delle attività sopra elencate sono in primo luogo tenuti a verificare che l’accesso alle medesime avvenga nel rispetto delle misure ivi previste, continuando a rappresentare il primo presidio di controllo capillare sul territorio.

In sede di riunione è stata, inoltre, disposta l’ulteriore intensificazione dei controlli interforze per garantire il rispetto delle misure anti Covid-19, anche con l’ausilio dell’Esercito e del Corpo Forestale come, peraltro, concordato nei precedenti Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Sono state esaminate, altresì, le problematiche relative alle lunghe file presenti presso i centri dove si somministrano vaccini e si effettuano i tamponi nei siti di Catania e Acireale. Al riguardo, fermo restando che le Forze di Polizia continueranno a svolgere presso le suddette strutture, nell’ambito dei dispositivi di controllo del territorio, servizi di prevenzione e vigilanza, specialmente nelle ore di apertura dei centri e poco prima degli orari di chiusura, sono stati valutati quali ulteriori interventi possano essere adottati per mitigare il grande afflusso dei cittadini che si avvalgono dei servizi sopracitati. A tale riguardo, il commissario Liberti, ha preannunciato che è allo studio un incremento, sul territorio, delle strutture per la somministrazione dei vaccini e l’effettuazione dei tamponi e che verranno, nel frattempo, anche incrementati i periodi di apertura al pubblico delle strutture già operative sul territorio.

Foto di repertorio