Catania, in via D’Agata cassonetti bruciati e contenitori liquefatti: “Il quartiere non ha punti di raccolta, chiediamo misure repressive” – FOTO

Catania, in via D’Agata cassonetti bruciati e contenitori liquefatti: “Il quartiere non ha punti di raccolta, chiediamo misure repressive” – FOTO

CATANIA – Arrivano delle segnalazioni da parte del consigliere Giuseppe Zingale sui cassonetti bruciati in via D’Agata nel IV municipio di Catania.

“Cassonetti bruciati in via D’Agata nel quartiere di San Giovanni Galermo. Contenitori letteralmente liquefatti e, al loro posto, una enorme chiazza nera, spiega.



“Non è tutto visto che la gente, ancora adesso, lascia i sacchi di spazzatura in quella che una volta era un’oasi ecologica, ecco perché il consigliere del IV municipio Giuseppe Zingale, facendosi portavoce delle segnalazioni dei cittadini, chiede all’amministrazione comunale la sostituzione dei cassonetti bruciati dai teppisti.

“Il disastro ecologico è evidente e servono immediatamente misure repressive per fare in modo che simili episodi non si ripetano più nelle prossime settimane nel territorio di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo. In gioco c’è la pubblica salute e bisogna evitare in tutti i modi che il quartiere resti senza punti di raccolta della spazzatura”, conclude.