Dalla rissa all’accoltellamento per degli apprezzamenti di troppo a una ragazza: 5 interrogati in Caserma

Dalla rissa all’accoltellamento per degli apprezzamenti di troppo a una ragazza: 5 interrogati in Caserma

CALTANISSETTA – Sono 5 le persone che si trovano attualmente in caserma per la rissa di ieri sera in via San Domenico, a Caltanissetta, culminata con la morte del 51enne Marcello Tortorici, accoltellato alla gola.

Oltre ai tre feriti (Salvatore Fiore, 53 anni, Roberto Millaci, 50 anni e Massimo Tortorici, 45 anni, fratello della vittima), ci sono anche i figli di Fiore, Michele, 30 anni e Kevin, 22 anni.


I cinque, la cui posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria, sono stati interrogati nella notte dal pm Massimo Tirifò. Non è ancora noto chi abbia sferrato la coltellata fatale a Marcello Tortorici.

Nel corso degli interrogatori si è fatta sempre più strada l’ipotesi iniziale dei carabinieri e cioè che la rissa, avvenuta alle 20,30, sia scoppiata per un apprezzamento di troppo rivolto a una ragazza, che sarebbe la fidanzata di Kevin Fiore.

Gli investigatori stanno ricostruendo l’esatta dinamica di quanto avvenuto. Intanto i cittadini nisseni sono increduli. Da diverso tempo nel capoluogo non si registrava alcun omicidio e l’idea che sia stato commesso per motivi così futili ha sconvolto la città.

I carabinieri in poche ore hanno fermato le cinque persone e interrogato quanti potevano sapere qualcosa. Quando i carabinieri poco dopo le 20,30 sono arrivati in via San Domenico, teatro della rissa, Marcello Tortorici era ancora agonizzante.

È stato trasportato con un’ambulanza del 118 al Sant’Elia ma è morto durante il trasporto. Millaci, Tortorici e Salvatore Fiore si sono presentati direttamente alla Caserma dei carabinieri. Il primo ha un taglio al petto, poco sotto l’ascella.