Omicidio Salvatore Lupo, eseguita l’autopsia: ucciso da due colpi di pistola, continuano le indagini

Omicidio Salvatore Lupo, eseguita l’autopsia: ucciso da due colpi di pistola, continuano le indagini

FAVARA – Tre colpi di pistola di cui due andati a segno. È quanto emerso dall’autopsia effettuata sul colpo di Salvatore Lupo, ex presidente del consiglio comunale di Favara (Agrigento), ucciso in un bar del paese da un killer ancora sconosciuto.

Lupo, dunque, è stato ucciso da due proiettili, esplosi da una calibro 38 a tamburo. Secondo gli inquirenti, l’assassino – vista anche la scena del crimine – sarebbe un professionista, forse anche più alto della vittima.


Gli esiti della perizia autoptica arriveranno tra 90 giorni sul tavolo dei PM. L’autopsia è stata eseguita dal medico legale Cataldo Ruffino su incarico della Procura di Agrigento.

Dei due colpi di pistola, uno sarebbe stato quello letale. Si tratta del proiettile che ha colpito il 45enne alla tempia; il secondo, invece, lo ha colpito sotto l’ascella.

Dall’autopsia è emerso anche un altro dettaglio importante: il killer ha sparato da una distanza non superiore agli 80 centimetri.