Morte Aurelio Visalli, dopo l'autopsia emergono i primi dettagli sul decesso del sottufficiale eroe

Morte Aurelio Visalli, dopo l’autopsia emergono i primi dettagli sul decesso del sottufficiale eroe

Morte Aurelio Visalli, dopo l’autopsia emergono i primi dettagli sul decesso del sottufficiale eroe

MILAZZO – A distanza di qualche giorno dalla tragedia che ha coinvolto Aurelio Visalli, sottufficiale della Guardia Costiera morto da eroe, sarebbero emersi i primi risultati dell’autopsia.


Visalli sarebbe deceduto a causa di un trauma provocato dal forte impatto contro un’onda violenta, non si sarebbe trattato di annegamento, come era stato presupposto in precedenza.


L’esame autoptico sarebbe stato eseguito nel pomeriggio di ieri dal medico legale Elvira Ventura Spagnolo in presenza del consulente di parte, Alessio Asmundo, e il legale della famiglia di Visalli, Tommaso Calderone.

Della vicenda si starebbe occupando la Procura di Barcellona Pozzo di Gotto, che avrebbe avviato indagini per fare chiarezza sulla morte del 40enne, deceduto il 26 settembre dopo essersi gettato in mare nel tentativo di salvare un 15enne.

La morte del sottufficiale sin da subito ha provocato numerose reazioni, tanto di dolore quanto di rabbia sfogate come spesso accade sui social network. Indignazione emersa a seguito della presunta negazione da parte del 15enne coinvolto nella vicenda.

Intanto il sindaco di Milazzo, Giovanni Formica, nella giornata del 28 settembre, ha proclamato il lutto cittadino e messo a disposizione la sala consiliare per la Camera Ardente.

Immagine di repertorio