"Misure incongrue, senza considerare le differenze economiche". Governo regionale volto alle imprese: la nota di Armao

“Misure incongrue, senza considerare le differenze economiche”. Governo regionale volto alle imprese: la nota di Armao

“Misure incongrue, senza considerare le differenze economiche”. Governo regionale volto alle imprese: la nota di Armao

PALERMO – Continuano le critiche al Governo nazionale da parte della presidenza della Regione Siciliana. Secondo i rappresentanti del Governo Musumeci, le misure adottate “da Roma” non sono congrue in diversi aspetti e penalizzerebbero il Sud e in particolar modo le isole.


In questo drammatico momento di crisi economica, lo Stato ha adottato delle misure che si stanno rivelando incongrue, essenzialmente sotto due profili. Il primo riguarda l’aspetto finanziario: 5 miliardi e mezzo per regioni, comuni e province su 80 miliardi di deficit concesso a livello europeo sono davvero poca cosa, c’è il rischio concreto di non poter assicurare ai cittadini i servizi essenziali di cui hanno diritto. E ieri la Conferenza delle Regioni lo ha precisato al Governo chiedendo l’assunzione di impegni urgenti. Il secondo, più clamoroso, è quello di avere adottato soluzioni eguali per l’intero territorio nazionale in un paese diviso socialmente ed economicamente. E così le regioni del sud e specialmente le isole pagano un prezzo molto più alto per la carenza di misure adeguate e specifiche“. Cosi, in una nota, il vicepresidente della Regione e assessore dell’Economia, Gaetano Armao.


È innegabile – prosegue – che il sistema economico delle imprese come quello delle famiglie siano completamente diversi tra Nord e Sud. Ecco perché la Regione Siciliana si è dotata di una legge di Stabilità che ha concentrato la destinazione delle risorse proprio sul tessuto imprenditoriale e sulle famiglie lasciate fuori da interventi statali non calibrati sui veri bisogni della Sicilia“.

Coglie nel segno l’appello del Presidente Silvio Berlusconi, uomo d’impresa prima che statista, che evidenzia l’inadeguatezza delle misure adottate a livello nazionale per le imprese e il lavoro, chiedendo al Governo di invertire la rotta dall’accesso al credito, all’equilibrio dei conti, alla semplificazione delle procedure e al pagamento dei debiti da parte della pubblica amministrazione“, sottolinea il vicepresidente siciliano.

Ci vuole una grande svolta per affrontare la crisi, flessibile e coraggiosa, con lo sguardo rivolto alle imprese, consci che è il tessuto imprenditoriale che realizza produttività e crescita e dà il lavoro vero. Solo così potremmo dare una spinta concreta alla ripresa perché con il sistema dei sussidi, soprattutto per quelli per pochi privilegiati, non andremo da nessuna parte“, conclude Armao.

Fonte immagine Regione Siciliana