L’Italia trionfa al Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo

L’Italia trionfa al Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo

SAN VITO LO CAPO – È la prima volta che l’Italia trionfa al Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo. Due i premi vinti dalla squadra “azzurra”: premio “miglior cous cous”, assegnato dalla giuria tecnica e offerto da Unicredit, ed un premio attribuito dai giurati popolari, offerto dall’azienda Bia, azienda leader nella produzione del cous cous in Italia.

La ricetta denominata “La mia Sicilia” – a base di ricciola, cipolle al Marsala, pesto al finocchietto, pistacchio e limone, latte di mandorla e polvere di caffè – ha fatto trionfare il milanese Andrea Provenzani e il sanvitese Giuseppe Salmeri, il primo chef e il secondo dipendente dell’hotel Capo San Vito, conquistando i palati della giuria e degli spettatori.

La gara internazionale, cuore dell’evento, ha visto partecipare chef provenienti da 10 paesi – Costa d’Avorio, Francia, Israele, Italia, Libano, Marocco, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia -. La squadra italiana è stata premiata dal sindaco di San Vito Lo Capo, Matteo Rizzo, che ha espresso la sua soddisfazione riguardo alla riuscita dell’evento.

Fra le varie pietanze, non sono mancati grandi ospiti come Pino Daniele e Irene Grandi, o gli chef Filippo La Mantia, Gennaro Esposito ed Andy Luotto. La manifestazione si concluderà inoltre con una sfilata di alta moda a cura della stilista Francesca Di Maria.

In evidenza anche il team francese, che ha dato filo da torcere alla squadra italiana fino alla fine. Infatti, il gruppo composto da Marion Roger, del ristorante Erba Brusca di Milano, e Chiara Cilio, aveva ottenuto lo stesso punteggio della squadra azzurra. A far trionfare quest’ultima, la decisione di far valere doppio il giudizio del presidente di giuria.

I francesi hanno ottenuto comunque un altro premio per l’originalità del piatto, offerto da Electrolux Professional. Il team ha infatti presentato un cous cous davvero originale, dal gusto dolce con gelato alla verbena che, secondo la giuria, si distingueva indubbiamente dai cous cous tradizionali. Premiata anche la Costa D’Avorio, con Abibata Konata, che è riuscita a lanciare, attraverso il suo piatto, un messaggio di pace e integrazione. La sua ricetta mostrava infatti una mano nera, con lo sfondo del cous cous bianco, e al centro un cuore rosso.

Premiata, infine, Antonella Santilli, di Casalanguida, in provincia di Chieti, già vincitrice del concorso “Bia chef moi”, che ha vinto il premio, messo in palio da Bia, con una ricetta di cous cous di pesce e borragine.

Commenti