Catania, Sandro Vergato ritorna con “Sono momentaneamente presente”

Catania, Sandro Vergato ritorna con “Sono momentaneamente presente”

CATANIA – Sabato 21, alle 21, e domenica 22, alle 18 nella sala teatro De Curtis, debutterà il nuovo spettacolo comico “SONO MOMENTANEAMENTE PRESENTE” di e con Sandro Vergato.

Divertimento e tanti “colpi di scena” sorprenderanno il pubblico grazie ad una serie di novità per uno spettacolo tutto da ridere e non solo: infatti, insolitamente per uno spettacolo comico, saranno coinvolti miti filosofici e musicali come Kahlil Gibran, Madre Teresa, i Pink Floyd, Franco Battiato, Renato Zero e tantissime altre video proiezioni, citazioni e riflessioni sul Tempo che scorre inesorabile e sui cellulari che hanno stravolto la nostra vita.

Sketch, monologhi, gags ed improbabili sponsor oltre, naturalmente , all’immancabile presenza dei personaggi comici di Vergato come la Zza’Mara, l’Amico Fritz, Pippo Colera, il Prof, Brigante, divenuti ormai dei veri e propri beniamini del pubblico perché rappresentanti dell’ assurda e paradossale società che ci circonda. Il “concept” su cui ruota l’intero spettacolo è tutto racchiuso nella presentazione di Sandro Vergato che, oltre essere il “mattattore”, ne è anche l’autore ed il regista.

“Siamo tutti… Momentaneamente Presenti – esordisce Sandro Vergato – . Non soltanto perché la vita per quanto lunga possa essere è comunque sempre un ‘momento’ rispetto all’infinità del tempo ma adesso più che mai c’è qualcosa che governa il nostro ‘presente’: la connessione su internet ed i minuti a disposizione sul cellulare per potere chiamare. Finite queste risorse non siamo più ‘presenti’. Scompariamo. Avvertiamo un senso di smarrimento. Ci sentiamo tagliati fuori dal mondo e dai nostri rapporti sociali. Cosa possiamo fare per rimediare a questa ‘tragicomica’ e improvvisa scomparsa dai nuovi radar ‘social’?”.

“Come possiamo riappropriarci del nostro ‘Essere’ e del nostro ‘Esistere’ malgrado Internet ci abbia internati e adesso siamo internamente nati all’interno di una dimensione dove siamo abitanti senza passaporto, ma con indispensabile password, di una nuova inter-nazione? A questo interrogativo e a tanti altri effetti collaterali, tenterà di rispondere l’umorismo. Quello che ci fa ‘riflettere’ come uno specchio e ci ricorda di non prenderci mai troppo sul serio e che l’unica soluzione è riderci su, perché volenti o nolenti, siamo tutti momentaneamente presenti”.

Lo spettacolo è prodotto dall’associazione “AllegramenteClub” e vede anche la partecipazione di Barbara Gricoli e Alessandro Pace.

Commenti