È l’ora di FameLab: al Centro Zō va in scena la gara tra giovani ricercatori con il talento della comunicazione

È l’ora di FameLab: al Centro Zō va in scena la gara tra giovani ricercatori con il talento della comunicazione

CATANIA – Solo tre minuti per riuscire a presentare il proprio argomento di ricerca e far colpo sulla giuria. Non si tratta del solito ‘talent’ musicale o gastronomico, ma di un’opportunità vera e propria per chi si occupa di scienza e ama parlarne in pubblico: scienziati, giovani ricercatori o anche studenti universitari di discipline scientifiche e tecnologiche. Insomma, un’occasione da non perdere per chiunque voglia raccontare con rapidità, leggerezza ed efficacia un po’ della scienza con la quale ha a che fare ogni giorno. 

Sono queste le regole di FameLab, la competizione internazionale per ricercatori che intendono misurarsi anche sul piano della comunicazione che quest’anno, per la prima volta, farà tappa anche a Catania, grazie alla proficua sinergia tra l’Ateneo e altri soggetti localmente attivi nel settore della ricerca quali l’Infn – Sezione di Catania, Inaf – Osservatorio Astrofisico, Cnr – Imm, Centro Csfnsm, Infn – Laboratori Nazionali del Sud, Eps – Young Minds Catania, Piano Lauree Scientifiche (Catania) e Scuola Superiore di Catania.

L’evento – ideato da Cheltenham Festivals e promosso a livello mondiale dal British Council in 28 differenti Paesi – è organizzato in Italia da Psiquadro in collaborazione con il British Council Italia. La competizione prevede lo svolgimento di selezioni locali in 10 città – oltre al capoluogo etneo, anche Ancona, Cagliari, L’Aquila, Modena, Napoli, Padova, Perugia, Torino e Trieste – dalle quali verranno selezionati i 20 finalisti che parteciperanno gratuitamente alla FameLab Masterclass a Perugia (7, 8 e 9 aprile), un workshop di formazione in comunicazione della scienza.

I prescelti si affronteranno nella finale nazionale del concorso in programma a Roma nel mese di maggio 2017. E il vincitore italiano si confronterà con 28 concorrenti di altrettanti Paesi del mondo, a Cheltenham in Gran Bretagna, per vincere l’edizione di FameLab International.

La selezione FameLab di Catania si terrà il prossimo giovedì 2 marzo. Al mattino, nell’aula magna del dipartimento di Fisica e Astronomia (Cittadella Universitaria, via Santa Sofia 64), a partire dalle 9,30 si terrà la fase di preselezione, durante la quale la giuria composta da Giuseppe Cutispoto (INAF Catania), Massimo Gulisano (Biologia molecolare, Unict) e Roberta Raciti (INFN Catania) ‘scremerà’, tra i 23 iscritti, gli otto candidati che accederanno alla sessione serale.

Alle 20,30, al Centro culture contemporanee Zō (piazzale Asia, 6) si terrà la selezione finale, con un programma all’insegna dell’edutainment, con la partecipazione del Circo Ramingo e del conduttore Adriano Aiello.

I candidati dovranno giocarsi al meglio le proprie carte in un ‘pitch’ da tre minuti per conquistare il favore dei severi giurati, chiamati a valutare in base a contenuto, chiarezza, carisma: i docenti dell’Università di Catania Francesco Priolo (Fisica della Materia), Stefania Stefani (Microbiologia), Davide Bennato (Sociologia dei processi culturali e comunicativi) e Luigi Ingaliso (Storia delle scienze e delle tecniche).

Al termine della sessione serale la giuria comunicherà i nomi dei due vincitori della competizione locale (più uno di riserva) che accederanno alla finale nazionale. Solo per la tappa catanese sarà assegnato anche il Premio speciale FameLab Catania per la Fisica, assegnato da Paolo Castorina (CSFNSM), Antonino La Magna (CNR-IMM) e Carla Distefano (INFN-LNS).

Commenti