Salvato nido di tartaruga ad Agnone

Salvato nido di tartaruga ad Agnone

AGNONE – Giocando sulla spiaggia dei bambini hanno trovato delle strane “palline” sotterrate nella sabbia. Il responsabile della sezione Lentini-Agnone del Fondo Siciliano per la Natura SWF Alfio De Luca ha subito riconosciuto il nido di tartaruga e avvertito le autorità competenti: nello specifico il Centro Recupero Fauna Selvatica (CRFS) che prontamente ha inviato sul posto la responsabile del Centro Grazia Muscanisi e il naturalista Luigi Lino.

uova tartaruga

Si trattava di 70 uova di tartatuga Caretta Caretta (nome dato da Linneo nel 1758) che hanno un periodo di schiusa tra i 42 e i 65 giorni. Le uova sono state spostate da Grazia Muscanisi in un posto più sicuro, più lontane dal mare, in modo che le onde non possano nuocere ai nascituri. Purtroppo non sapendo quando sono state deposte non si può prevedere quando si schiuderanno.

Nei prossimi giorni ci sarà una piccola cerimonia attorno al nido di tartaruga di mare, che avrà come madrina Patrizia Majorca con il padre Enzo Majorca.

Liberazione tartaruga locandina 30 agosto

CAPO GALLO – Durante un’immersione per controllare la flora fauna marina, degli agenti della polizia di stato, appartenenti alla squadra sommozzatori, hanno notato a circa sei miglia dalla riserva naturale di Capo Gallo, una tartaruga marina di specie Caretta Caretta che non riusciva a immergersi perché ferita.

Gli agenti hanno subito salvato l’animale e l’hanno affidato all’Istituto Zooprofilattico di Palermo che si stava già occupando della liberazione di tre tartarughe a Pantelleria. Presto la tartaruga ritrovata al largo di Capo Gallo riceverà le cure di cui necessita.

 

Commenti