Sì di Gela al baratto amministrativo: tasse pagate con il lavoro

Sì di Gela al baratto amministrativo: tasse pagate con il lavoro

GELA – Arriva direttamente dal Comune di Gela una soluzione efficace che, almeno per un po’, risolleva gli animi di quei cittadini che da tempo lottano contro i propri debiti senza trovare spiragli di luce.

La novità consiste nel baratto amministrativo, un nuovo sistema che permetterà di pagare i propri tributi attraverso piccoli lavori di manutenzione ordinaria degli immobili del Comune e anche attraverso la manutenzione del verde pubblico.

Il provvedimento è stato presentato stamani dal sindaco Domenico Messinesedall’assessore comunale al Bilancio Fabrizio Morello che così si è espresso: “Con la delibera di oggi si avvia l’iter per dotare l’ente della  formula del baratto amministrativo. L’obiettivo che ci siamo posti sin dall’inizio è quello di migliorare la vita dei nostri cittadini, per questo tale strumento consentirà di agevolare quanti, liberamente ed autonomamente, sceglieranno di prestare la loro opera al servizio della collettività”.

Intanto, nei prossimi giorni, il consiglio comunale procederà all’approvazione di un apposito regolamento. Il primo cittadino di Gela ha spiegato come “questo strumento consentirà di migliorare la vita dei nostri cittadini e di agevolare quanti, liberamente ed autonomamente, sceglieranno di prestare la loro opera al servizio della collettività”.

Inoltre, il sindaco e l’assessore comunale al Bilancio, hanno comunicato che nel 2016 il Comune di Gela si doterà del bilancio partecipato, proposto anch’esso durante un’assemblea nel quartiere Macchitella, dal comitato del villaggio. Si tratta, anche qui, di uno strumento in cui per la prima volta i cittadini contribuiranno direttamente a scegliere come destinare parte delle risorse finanziarie dell’ente. L’iter intrapreso prevede che, entro la fine del mese, la Giunta predisporrà un apposito regolamento che sottoporrà al Consiglio Comunale, con principi chiari e definiti, volti a garantire la più ampia partecipazione dei cittadini.

Commenti