Succede a Siracusa e provincia: martedì 9 maggio POMERIGGIO

Succede a Siracusa e provincia: martedì 9 maggio POMERIGGIO

SIRACUSA – I fatti di cronaca più importanti di questo martedì pomeriggio a Siracusa e provincia.

I carabinieri del Comando Stazione di Cassibile, impegnati in un servizio di controllo del territorio, pattugliando il territorio di competenza dove insistono le numerose aziende agricole, hanno sorpreso Davide Minnalà, 27 anni di Siracusa, con precedenti di polizia specifici, che rubava degli agrumi.

Minnalà Davide

In particolare i carabinieri appuravano che il 27enne aveva già messo all’interno di alcuni sacchi più di 200 kg di frutta e solo l’intervento dei carabinieri ha interrotto la sua condotta.

L’uomo è stato dichiarato in arresto per furto aggravato e la refurtiva restituita al responsabile dell’azienda agricola. Su disposizione dell’AG di Siracusa, l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Ad Avola, in Contrada Bochini, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del N.O.R.M. della Compagnia di Noto hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato Sebastiano Zuppardo, avolese di 35 anni, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia.

ZUPPARDO Sebastiano cl.1984

L’uomo, approfittando della calma del primo pomeriggio, si è introdotto con il proprio ciclomotore all’interno di un terreno iniziando a raccogliere limoni. Ma alcuni contadini del posto, transitando in zona e notando un estraneo nella proprietà, hanno contattato il numero di emergenza 112 richiedendo l’intervento di una pattuglia.

All’arrivo dei carabinieri, già impegnati in zona in servizio di perlustrazione sul territorio, l’uomo non ha potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità: caricati sul ciclomotore, infatti, vi erano tre sacchi di iuta colmi di limoni, del peso complessivo di circa 150 kg, pronti per essere portati via.

Foto di repertorio

La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario. Condotto in caserma, l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto e, espletate le formalità di rito, è stato tradotto nella propria abitazione al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di Siracusa. Inoltre, il mezzo dell’arrestato è stato sottoposto a sequestro in quanto sprovvisto di copertura assicurativa obbligatoria: all’uomo, pertanto, è stata contestata anche la sanzione amministrativa prevista dall’articolo 193 del codice della strada.

Secondo le linee guida impartite dal comandante provinciale, l’attenzione dei carabinieri rimane alta e costante sull’intera provincia in considerazione del fatto che il fenomeno dei furti di limoni e di prodotti agricoli in genere registra dati rilevanti che richiedono un’efficace e costante azione di contrasto al fine di tutelare un settore economico, quello ortofrutticolo, particolarmente importante per il territorio. Pertanto continueranno con assiduità i servizi di prevenzione e contrasto svolti dall’Arma dei carabinieri per arginare il fenomeno delittuoso in questione, affiancando alla continua perlustrazione delle zone di campagna una specifica attività diurna di verifica agli ambulanti cittadini ed al sistema di trasporto delle merci su strada.

Commenti