Succede a Catania e provincia: 6 giugno MATTINA

Succede a Catania e provincia: 6 giugno MATTINA

CATANIA – Ecco le operazioni condotte dai carabinieri a Catania e provincia: 

  • I carabinieri di Motta Sant’Anastasia hanno arrestato in flagrante un 39enne del luogo, per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Ieri sera una pattuglia dopo una segnalazione al 112 per lite familiare da parte di un anonimo cittadino, è intervenuta in casa dell’uomo in un evidente stato di agitazione. I militari hanno così accertato che l’uomo poco prima, per futili motivi, aveva aggredito e picchiato la moglie, una 36enne, colpendola a calci e pugni e che questa situazione durava da oltre un anno. La vittima è stata trasportata e medicata all’ospedale Santissimo Salvatore di Paternò dove i sanitari l’hanno ricoverata a seguito delle ferite lacero contuse all’arcata sopraccigliare sinistra e della frattura del pavimento orbitale sinistro, con una prognosi di 30 giorni. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Catania di piazza Lanza, come disposto dall’autorità giudiziaria;

  • I carabinieri di Giarre hanno arrestato in flagrante di reato Agatino Spampinato, 64 anniAntonino Tirri, 66 anni, Antonino Gulisano, 46 anni, tutti di Catania, per furto aggravato e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Ieri pomeriggio i militari, durante un servizio contro i reati predatori nelle aree rurali, passando per via Ariazza Passagliastro ha sorpreso tre individui all’interno di un agrumeto, mentre stavano rubando dei limoni. I malviventi alla vista dei militari hanno tentato la fuga a piedi cercando di disperdersi nelle campagne limitrofe ma sono stati immediatamente inseguiti e bloccati. Nella circostanza i fuggitivi avevano già accantonato, dopo aver distrutto la recinsione della proprietà privata, oltre 500 chili di limoni verdello nel bagagliaio di una Fiat Punto, risultata di pertinenza di uno dei fermati. I carabinieri inoltre all’interno dell’auto hanno ritrovato degli arnesi atti allo scasso, che sono stati sequestrati insieme al mezzo. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario, mentre i tre uomini, espletate le formalità di rito, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa di essere giudicati con rito direttissimo;

    SPAMPINATO Agatino, nato a Catania il 09.08.1953 TIRRI Antonino, nato a Catania l'11.05.1951 GULISANO Antonino nato a Catania il 03.08.1971

  • I carabinieri di Mascali, hanno arrestato un 56enne, del luogo, su ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Catania, per atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. L’attività d’indagine condotta dai militari ha permesso di accertare che l’uomo, dall’inizio dell’anno, si è reso responsabile di atti persecutori ai danni dell’ex moglie, una 47enne. Dalle indagini è emerso, inoltre, che al fine di convincere la donna a riprendere la relazione sentimentale l’ha più volte minacciata di morte aggredendola a calci e pugni. Così l’uomo, espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari;

  • I carabinieri di Paternò hanno arrestato Nunzio Pappalardo, 37 anni, paternese, per evasione. L’uomo, malgrado fosse sottoposto agli arresti domiciliari per un rapina commessa il 26 maggio scorso ai danni di una farmacia a Paternò, è stato riconosciuto e bloccato dai militari mentre si trovava a piedi in una via del centro cittadino a dialogare con altri individui gravati da pregiudizi penali, nella violazione dei vincoli restrittivi cui era soggetto. L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato posto nuovamente ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo;
    PAPPALARDO NUZIO PATERNO' _26_10_1979

  • I carabinieri di Adrano hanno arrestato Salvatore Restivo, 51 anni, del luogo, su ordine di carcerazione emesso dalla procura della Repubblica di Cagliari. L’uomo dovrà scontare la pena di un anno e 2 mesi di reclusione in quanto ritenuto colpevole di tentata truffa, reato commesso il 10 agosto 2016 a Cagliari. Assolte le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari, come disposto dall’autorità giudiziaria.
    RESTIVO SALVATORE CT 26_10_1968

Commenti