Porta via i soldi da macchinetta del caffè: è lo stesso che aveva rubato la TV ai bambini del Civico

Porta via i soldi da macchinetta del caffè: è lo stesso che aveva rubato la TV ai bambini del Civico

PALERMO – Gaetano Russo, 40 anni e originario del quartiere Zisa di Palermo, è stato arrestato ieri con l’accusa di reato di furto aggravato in struttura pubblica e danneggiamento.

L’uomo, nel tardo pomeriggio, si trovava all’Ospedale Buccheri La Ferla. Il portiere della struttura, allertato dal suo modo di fare circospetto e dalla dubbia reazione dell’individuo alla vista della polizia di guardia, ha subito segnalato agli agenti Gaetano Russo; questo intanto stava già tentando la fuga.

Nonostante la pronta reazione dei poliziotti, il sospetto è riuscito nel suo intento costringendo i militari ad inseguirlo. Il fuggiasco è stato bloccato in via Messina Marine, nei pressi del Pronto Soccorso. Alle incalzanti domande degli agenti circa il tentativo di fuga l’uomo ha risposto di aver scassinato un distributore del caffè posto nell’area ristoro dell’ospedale e che quindi, impaurito alla vista dei poliziotti, ha preferito darsela a gambe.

Verificato il danneggiamento del distributore e rinvenuto il magro bottino (60 euro in monetine), la polizia ha imposto a Gaetano Russo un regime di arresti domiciliari in attesa di poter affrontare il processo per direttissima.

Il ladro reo confesso, a quanto pare, non è nuovo a tale genere di reato: non sono passati nemmeno dieci giorni dal momento in cui ha deciso di derubare il reparto di oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Civico di Palermo. In quel caso le forze dell’ordine riuscirono a risalire a Gaetano Russo grazie alle registrazioni delle videocamere di sorveglianza le quali hanno consegnato agli agenti un’immagine tanto del ladro, poi reo confesso, quanto della sua vettura.

Commenti