Peschereccio mazarese mitragliato dai libici. Solidarietà di Cracolici

Peschereccio mazarese mitragliato dai libici. Solidarietà di Cracolici

MAZARA DEL VALLO – Il peschereccio “Principessa Prima”, giorno 16 è stato oggetto di un grave attacco in acque internazionali, da parte di un gruppo di milizie libiche. Infatti il motopesca si trovava a  20 miglia dalle coste di Bengasi quando le imbarcazioni delle milizie libiche lo hanno attaccato. Grazie ad una audace manovra del comandante Matteo Asaro si è scongiurato il peggio.

Infatti è da 50 anni che la marineria mazarese lotta nella cosiddetta “Guerra del pesce“, che molte volte ha avuto costi umani ed economici altissimi.

L’assessore regionale all’agricoltura Cracolici in proposito assicura il massimo impegno ed assicura che saranno messi in campo tutti gli strumenti necessari per creare un’area di dialogo tra le due popolazioni.

Riportiamo integramente la nota dell’assessore Antonello Cracolici.

Desidero esprimere la più sentita solidarietà  a nome del governo regionale nei confronti degli armatori e dei marittimi del peschereccio ‘Principessa Prima’ di Mazara del Vallo, oggetto  nei giorni scorsi di un  grave attacco in acque internazionali da parte di un gruppo di miliziani libici che hanno affiancato l’imbarcazione italiana e aperto il fuoco a 20 miglia dalle coste di Bengasi e Derna. Assicuro il massimo impegno  nel mettere in campo tutti gli strumenti necessari per creare nel Mediterraneo un clima favorevole, di dialogo e collaborazione con i paesi rivieraschi ed in particolare con il popolo libico”.

 

Commenti