Lavoratori Sviluppo Italia a Catania, oggi secondo giorno di sciopero con sit in

Lavoratori Sviluppo Italia a Catania, oggi secondo giorno di sciopero con sit in

CATANIA – Hanno protestato con una manifestazione tenutasi per l’intera mattinata di oggi nel loro secondo e ultimo giorno di sciopero i 12 lavoratori catanesi di Sviluppo Italia. Il sit in si è tenuto di fronte agli uffici di Pantano d’Arci.

I lavoratori, che in tutta la Sicilia sono 76, non percepiscono stipendio da quasi sei mesi e oggi hanno apertamente denunciato, affiancati dalla Fisac Cgil e dalle altre sigle sindacali di categoria, lo stato di inerzia del socio Regione che a tutt’oggi non ha dato seguito all’erogazione del fondo di € 1.2 milioni che avrebbe consentito, insieme all’attribuzione di nuove commesse, il rilancio della società a totale partecipazione regionale. Società che da sempre si è occupata di gestire misure a sostegno della creazione di iniziative imprenditoriali finanziando 17.111 nuove imprese e contribuendo alla creazione di 78.903 posti di lavoro.

Non si comprende come può una Regione come la Sicilia – dicono lavoratori e rappresentanti sindacali della Fisac Cgil di Catania, il sindacato dell’assicurazione e del credito – apprestarsi ad affrontare il periodo di programmazione comunitaria 2014/2020 con uno stanziamento di circa un miliardo di euro sulla creazione di impresa, e pensare di poter fare a meno di una società come Sviluppo Italia Sicilia che, sul territorio, da 15 anni ormai, fa questo di mestiere con risultati tangibili e misurabili“.

I lavoratori siciliani hanno testimoniato il loro disagio scioperando di fronte alla sede dell’Incubatore di Imprese di Catania e di fronte alla sede dell’ARS a Palermo.

Commenti