INPS, probabile spostamento a Bronte della sede di Paternò: cittadini infuriati

INPS, probabile spostamento a Bronte della sede di Paternò: cittadini infuriati

PATERNÒ – Manifestazione di cittadini stamane davanti all’INPS di Paternò (Catania) che rischia la chiusura definitiva e lo spostamento dei suoi uffici e sportelli a Bronte.

I numerosi manifestanti presenti chiedono a gran voce di lasciare la sede partenese dell’INPS lì dove si trova adesso per evitare disagi inutili per gli altri concittadini, i quali, per arrivare da Paternò a Bronte, sarebbero costretti a macinare molti più chilometri di quelli che percorrerebbero invece nella tratta Misterbianco-Paternò.

Confrontando il numero di abitanti dei due paesi etnei, si ha poi la conferma che i residenti a Paternò sono molto più numerosi di quelli di Bronte: “In questo comune, ci sono il triplo di cittadini rispetto al paese dove vorrebbero spostare la sede – spiega Mery –. Non avrebbe alcun senso logistico, quindi, spostare gli sportelli. Anche perché non dobbiamo dimenticare nemmeno Misterbianco e Belpasso, che fanno riferimento all’INPS di Paternò e che sarebbero costretti a grandi spostamenti per la minima necessità”.

Ovviamente le difficoltà maggiori riguarderebbero come sempre gli anziani e i giovanissimi che non saprebbero come spostarsi, ma anche le mamme e soprattutto i disabili. 

I manifestanti chiedono, quindi, che il trasferimento della sede INPS da Paternò a Bronte sia interrotto, ma che comunque vengano mantenuti sia gli sportelli per il disbrigo pratiche sia i servizi di back office.

Commenti