Catania, “Fondazione del merito” chiama a raccolta innovatori sociali

Catania, “Fondazione del merito” chiama a raccolta innovatori sociali

CATANIA – L’istruzione e la ricerca nel settore medico: sono questi i due ambiti scelti dalla Fondazione del Merito per presentare il programma delle attività 20152016 sabato 21 marzo alle ore 10 a Catania, con un incontro nella sala dell’ex Refettorio del Palazzo della Cultura di via Vittorio Emanuele 121. Dopo una fase di selezione sono stati scelti i progetti vEyes e Scuola del merito per rappresentare le attività di punta del prossimo biennio.

Crediamo che le leve del merito siano quelle che fanno la differenza all’interno di una comunità, grande o piccola che sia – spiega il presidente della Fondazione del Merito Mimmo Costanzo -. Insieme al consiglio di amministrazione abbiamo focalizzato la nostra attenzione soprattutto su progetti che riteniamo ad alto impatto sociale, sia perché sono espressione di un team che ha già evidenziato merito, competenza e tenacia; sia perché il target a cui si rivolgono è di grande rilievo per l’innovazione e il benessere sociale”.

Entrambi i progetti, che saranno illustrati nel dettaglio dai responsabili durante l’incontro di sabato 21 marzo, sono focalizzati su tecnologie digitali per valorizzare l’aspetto della diffusione e comunicazione. “Ma il loro impatto sociale sarà reale – sottolinea il presidente Costanzo – perché svolgono funzioni di networking importanti e abilitanti rispetto alla diffusione delle innovazioni e al miglioramento delle ricerche mediche”.

Sarà rivolto alle scuole del Sud Italia il progetto guidato da Guglielmo Apolloni di School Raising, “La scuola del merito”. L’obiettivo è di mappare, diffondere e valorizzare le pratiche di innovazione e merito già presenti in diverse scuole del sud Italia, accompagnandole in un percorso di confronto anche con possibili finanziatori. Si rivolge invece al mondo della ricerca medica, ma anche dei pazienti e delle loro famiglia, il progetto vEyes RNP, già sviluppato da qualche anno da Massimiliano Salfi, che si arricchisce con la partnership della Fondazione di un nuovo strumento: una piattaforma digitale che diventerà terreno di confronto per coloro che soffrono di malattie genetiche rare o per chi, scienziati, ricercatori e medici, possono confrontarsi su terapie e innovazione.

Durante l’incontro sarà inoltre premiato il giovanissimo talento catanese di danza classica, Gloria Patanè, come testimonial del merito per il 2015. All’appuntamento parteciperanno istituzioni, associazioni di categoria, rappresentanti delle scuole e delle imprese, per discutere di merito nei vari settori e trovare insieme ambiti di applicazione immediati.

Prevista la presenza del sindaco di Catania Enzo Bianco, del rettore dell’Università degli Studi di Catania Giacomo Pignataro e di Elita Schillaci, vicepresidente della Fondazione del Merito.

Crediamo che un buon lavoro sia sempre un lavoro di squadra. Per questo vogliamo sollecitare il mondo imprenditoriale a incontrarsi e discutere con gli attori sociali rispetto a esigenze e innovazioni reali. L’invito – conclude Costanzo – è aperto a tutte le persone di buona volontà che credono che il talento, la passione, il sacrificio, la tenacia, il coraggio, il merito, in una parola, possano fare la differenza, qui e ora”.

Commenti