Sicily Histories APP, l’applicazione geolocalizzata per scoprire le meraviglie della Sicilia divertendosi

Sicily Histories APP, l’applicazione geolocalizzata per scoprire le meraviglie della Sicilia divertendosi

La Sicilia è una terra ricca di punti di interesse che, da sempre, affascinano turisti provenienti da ogni parte del mondo. Per rendere la visita ancora più coinvolgente, un gruppo di giovani ha puntato proprio sul rimanere nella propria Isola costruendo una realtà imprenditoriale da zero, in un momento in cui moltissimi coetanei, invece, scelgono di andare fuori.

Così, attraverso un percorso sicuramente complesso, si arriva nel 2017 a Hi.Stories, una start up innovativa che ha come obiettivo principale, secondo quanto riferito alla nostra redazione, quello di occuparsi di beni culturali in toto “applicando formule innovative per la loro valorizzazione e fruizione. Questo vuol dire rilievo e stampa 3D, consulenza museale, applicazioni mobile, siti internet, organizzazione di eventi, allestimenti e tanto altro“.


Ma facciamo un passo indietro. Tutto è partito nel 2015 quando Riccardo Bonina, oggi amministratore di Hi.Stories, ha avuto l’idea di aggiungere interazioni coi luoghi alla tradizionale visita guidata. Proprio lui, in base a quello che ci raccontato Luna Meli del team, ha voluto applicare dinamiche di gamification e storytelling al turismo.

Per questo, nei primi mesi del 2016 nasce Sicily Histories, un’associazione culturale formata da amici uniti dalla passione e dall’amore per la Sicilia. “Durante le escursioni che organizzavamo, i partecipanti erano chiamati a vivere la giornata nei panni di personaggi storici: ad esempio essere delle matrone romane, o dei mercanti medievali. Quando, poi, nell’estate del 2016 è uscito il bando Cultura Crea, alcuni soci hanno deciso di fare il salto di qualità, presentando l’idea di Sicily Histories APP, che riprende i principi della gamification e dello storytelling, portandoli all’interno di un’applicazione. E lo abbiamo vinto“, aggiunge Luna Meli.


Cosa è, dunque, nello specifico, Sicily Histories APP? Come ci hanno spiegato meglio proprio loro, si tratta di un’applicazione geolocalizzata (disponibile sia per dispositivi Android che iOS) che consente di scoprire i principali punti di interesse (POI) della nostra Regione, divertendosi partendo dal presupposto che “la cultura non è un gioco, ma giocare stimola la cultura“.

La nostra intervistata ci ha detto: “Noi, inizialmente, ci siamo focalizzati su quattro grandi periodi storici (l’età classica, il medioevo, il periodo barocco e l’epopea garibaldina) nei quali abbiamo ambientato le avventure di personaggi che, spostandosi fra i diversi luoghi, scrivono delle vere e proprie storie e creano percorsi. Oltre alle storie, ad ogni POI sono associati dei giochi, legati ai contenuti delle guide, che consentono di vincere dei premi che possono essere buoni on line o spendibili sul territorio“.

Scendendo nel dettaglio: “La cosa più importante è ovviamente trovarsi in prossimità dei punti di interesse. Nell’applicazione si visualizza una mappa in 3D, in cui i diversi punti vengono rappresentati graficamente da diverse icone. Oltre ad i POI storico culturali, la mappa indica anche luoghi di interesse turistico come info point o associazioni di guide, e luoghi di interesse commerciale, come ristoranti, negozi di artigianato, etc. che sono gli stessi che, affiliandosi, mettono in palio i premi per chi gioca, oltre che avere una vetrina nell’applicazione. Crediamo che la cultura di una terra non sia solo la sua storia artistica, ma anche il suo calore, il folklore, la cucina e la simpatia del popolo“.

È un progetto che non si arresta un attimo, pronto a migliorarsi sempre più per abbracciare quanti più utenti possibili, tra turisti, appassionati del mondo dei viaggi e non solo. Il feedback è sicuramente positivo e Luna Meli ha completato il discorso: “Il progetto sta proseguendo ed è bello vedere che, nonostante sia trascorso più di un anno dal suo primo rilascio, ci sia ancora curiosità, sia da parte degli utenti, sia da parte delle Istituzioni e dei Comuni, che spesso ci chiedono come utilizzare Sicily Histories nel loro territorio. Inoltre, molto interesse c’è anche da parte delle scuole, con le quali attiviamo progetti di alternanza scuola/lavoro per far lavorare i ragazzi ai contenuti dell’applicazione e renderli quindi protagonisti della valorizzazione della città in cui vivono. Proprio in virtù di queste collaborazioni e delle richieste che arrivano dalla partecipazione a fiere di settore o a presentazioni del progetto, come avvenuto a Lucca ad ottobre durante Lubec 2019, stiamo pensando di esportare Sicily Histories anche in altre Regioni“.

Un nuovo modo, quindi, di guardare e ammirare i capolavori dell’Isola, non dimenticando il lato ludico. Assolutamente una splendida realtà che sta prendendo, via via, sempre più forma e che dà alla Sicilia la giusta e dovuta attenzione che merita, seppur in un’ottica diversa ma altrettanto completa.

Fonte Immagine: Facebook – Sicily Histories APP