A Parigi la compagnia Danza storica di Catania

PARIGI – Primo freddo invernale, si respira già nell’aria il fermento dell’attesa, la suggestione dei grandi eventi, la magia di una favola: al Grand Hotel Intercontinental, a pochi passi dall’Opéra, è infatti cominciato il conto alla rovescia per il Gran Ballo Imperiale che si terrà sabato 25 ottobre.

Anche quest’anno beneficenza, buon gusto, alta società e danze storiche si incontreranno per celebrare il 170° anniversario della fondazione e il 153° anniversario del riconoscimento di interesse pubblico che venne conferito per decreto imperiale da Napoleone III al Palais des Tuileries nel 1861.


L’evento parigino – organizzato dalla baronessa Maria Elena Saint Didier – per la prima volta aprirà le porte alla Compagnia Nazionale di Danza Storica – diretta e presieduta da Nino Graziano Luca – che si esibirà in abiti ottocenteschi curati nei minimi dettagli per rievocare le atmosfere nobiliari sulle orme del Gattopardo: in scena andrà lo spettacolo “Dansant Pour Napoleon III et Eugenie” ideato e diretto da Nino Graziano Luca e Carla Favata e rappresentato dai danzatori della Compagnia nazionale di danza storica Harmonia Suave, che in questa occasione saranno nella quasi totalità siciliani, grazie al magico connubio tra storia e tradizioni siciliane e francesi.

La baronessa Saint Didier, Nino Graziano Luca e Carla favata

La baronessa Saint Didier, Nino Graziano Luca e Carla favata

Nino Graziano Luca non nasconde l’emozione a pochi giorni dalla partenza per Parigi: «Nonostante siano passati venticinque anni – commenta – in fondo è sempre come la prima volta. Ogni spettacolo ha la sua unicità, riuscendo a regalare momenti di convivialità, di eleganza, di alto valore culturale, storico, sociale. Perché danzando comunichiamo, raccontiamo i gran balli di un’epoca rimasta impressa per i personaggi storici, gli artisti, gli eventi che l’hanno caratterizzata”.

Non mancheranno spettacolo e intrattenimento, fin dalle prime battute della serata, quando gli ospiti in costume ottocenteschi arriveranno accompagnati da oltre cento carrozze d’epoca: ad accoglierli ci saranno champagne e musica sotto il baldacchino e nella sala Ravel, poi si apriranno le danze con la Quadriglia, cui seguirà l’atteso Gala Dinner Danzante nel Salone Opera con il menù firmato dallo Chef Internazionale Christophe Raoux.