Tra campo ed extracampo, l'anno del Calcio Catania in breve: crisi societarie, risultati negativi e una speranza per il futuro - Newsicilia

Tra campo ed extracampo, l’anno del Calcio Catania in breve: crisi societarie, risultati negativi e una speranza per il futuro

Tra campo ed extracampo, l’anno del Calcio Catania in breve: crisi societarie, risultati negativi e una speranza per il futuro

CATANIA – Sono momenti di assoluta difficoltà quelli che il Calcio Catania sta vivendo per l’attuale situazione economico-societaria. Ma, prima di concentrarsi sul presente, è necessario capire come ci si è arrivati e cosa si sta lasciando alle spalle la squadra ai piedi dell’Etna.

L’equilibrio è una parola che di certo non può essere attribuita al club etneo. Già la scorsa stagione si è assistito a un ritmo altalenante del gioco, composto da partite brillanti in casa ed evidenti difficoltà in trasferta.

Infatti, come tutti ricorderanno, dopo la sconfitta in casa della Viterbese, avvenuta lo scorso 24 febbraio, la dirigenza ha esonerato Sottil sostituendolo con Novellino (più tardi nella stagione i due allenatori faranno il percorso inverso).

Lo sforzo di essere stata l’unica squadra, insieme alla Virtus Francavilla, ad aver battuto la capolista Juve Stabia, non è bastato ai fini della classifica, poiché la squadra dell’elefante si è dovuta accontentare del quarto posto, dopo i campani, il Trapani e il Catanzaro.


Tuttavia, una “boccata d’aria” arriva in casa rossazzurra nella fase dei playoff. Inizialmente, infatti, gli etnei non lasciano scampo alla Reggina battendola 4-1.

Successivamente, il Catania riesce a passare il turno nel doppio confronto con il Potenza, terminati entrambi con il punteggio di parità. Il cammino verso la finale viene poi interrotto dal Trapani che, grazie al doppio pareggio, elimina i rossazzurri dalla corsa alla cadetteria.

Dopo le batoste incassate fino al momento in questione, la dirigenza ha deciso di sostituire Sottil con l’esperto Andrea Camplone, il quale ha offerto una buona strategia di gioco con il solito 4-3-3, ma che si è fermato a ottobre, esattamente al 5-0 a favore della Vibonese.

Al suo posto arriva Lucarelli, che già in passato vanta esperienze sulla panchina della formazione siciliana. Nel quadro etneo, inoltre, emerge una problematica abbastanza rilevante, quella economica e finanziaria. L’amministratore delegato, Pietro Lo Monaco, dimissionario a novembre, ha dichiarato a Radio Sportiva che non ci sarebbero i presupposti per il futuro della squadra, ma la stessa intanto deve concentrarsi per concludere la stagione.

Nonostante la speranza, guardando alla realtà di quanto sta accadendo, la preoccupazione cresce se si considera che, nella concretezza dei fatti, al momento non ci sono acquirenti, a parte Follieri, l’imprenditore pugliese che sembrerebbe l’unico realmente interessato.

Nel contesto non è certamente di supporto la crisi del gruppo Meridi, società che controlla il Calcio Catania, appartenente al patron Nino Pulvirenti, della quale potrebbe essere decretato lo stato di insolvenza il prossimo 7 gennaio.

Non solo, non passano inosservati nemmeno i messaggi che la società avrebbe indirizzato ai giocatori, invitati a cercare “occupazione” altrove per salvaguardare le casse societarie.

Ciononostante, il club etneo sta riuscendo a portarsi avanti malgrado le difficoltà presenti. La stessa società infatti rende noto in un comunicato del 30 dicembre: “Il Calcio Catania ribadisce che alla scadenza del 16 dicembre 2019 ha regolarmente corrisposto tutti gli stipendi e le imposte dovute. È stata anche rispettata la scadenza del pagamento della seconda rata della “rottamazione” e di tutti gli adempimenti fiscali”. 

Un caso che tanto ha fatto discutere è stata la gara Catania-Casertana, giocata a porte chiuse per mancanza di steward. A risentire di tutto ciò sono i tifosi, molti dei quali la scorsa settimana sono scesi in strada per protestare.

Parallelamente, un velo di ottimismo si può avere nel momento in cui si guarda alla situazione in Coppa Italia Serie C. A tal proposito, la vittoria finale del club in quest’ultima rappresenterebbe un ottimo traguardo per la disputa dei playoff promozione. Poiché al momento tutto è in dubbio, quale sarà la sorte della compagine catanese?

Immagine di repertorio

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com